Covid19, De Luca al Governo: “Con mezze misure mandiamo al manicomio un Paese intero”

Il governatore è tornato a criticare le scelte del Governo nel consueto appuntamento del venerdì sull’emergenza Covid19

Io non condivido le scelte del Governo nazionale, con le mezze misure. Così prolunghiamo i tempi dell’epidemia e mandiamo il Paese al manicomio. Io sono per una zona arancione per tutta Italia, un solo colore per tutte le regioni almeno fino alla fine di gennaio, per capire come evolve la situazione. L’unica deroga va fatta per Regioni che sono in condizioni difficili e per le quali si può pensare ad una ‘zona rossa’. È inutile aprire e poi richiudere per altri due mesi. La linea della Campania è stata sempre questa. Noi vogliamo aprire tutto, per sempre. Non chiudere di tanto in tanto. C’è già una ripresa dell’epidemia, dobbiamo arrivare a fine gennaio per capire la situazione nel nostro Paese”. A dirlo il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della consueta diretta del venerdì su Facebook per fare il punto sull’emergenza Covid19.

Proseguendo De Luca si è soffermato sul tema delle vaccinazioni. “Con i vaccini Pfizer a doppia somministrazione la cosa è complicata – ha affermato il governatore –. Richiede attenzioni tecniche molto precise e complesse. Credo che anche per il vaccino Moderna sarà così. Noi ai cittadini dobbiamo dare tempi certi. Il secondo vaccino arriverà in dosi rilevanti non prima di un mese e mezzo, due mesi. Dobbiamo vaccinare in Italia oltre 60 milioni di cittadini. È una sfida gigantesca, mai vista prima. Noi abbiamo cominciato questa campagna di vaccinazione di massa il 31 dicembre, dopo la giornata dimostrativa del 27 dicembre. Siamo quasi al 70% di somministrazione di vaccini in Campania. Noi facciamo tutto questo con 15mila dipendenti nella nostra sanità, a differenza di altre Regioni. Stiamo facendo miracoli e per questo ringrazio di cuore tutto il nostro personale sanitario ed amministrativo”.

“Il 27 dicembre anche io, come atto dimostrativo, ho fatto la prima dose di vaccino. Era un gesto simbolico, per dimostrare che il vaccino era sicuro. Ho fatto da cavia per i cittadini. Se dopo la seconda dose non andrò dal creatore, potete stare tranquilli. Ma in Italia non manca mai qualcuno pronto a fare demagogia e sciacallaggio”, ha spiegato De Luca. “Noi dobbiamo fare in Campania oltre 4 milioni di vaccini – ha proseguito –. Con il richiamo del vaccino attuale, dovremo fare 8 milioni e 400mila vaccini. Uno sforzo gigantesco. Se facciamo 20mila vaccini al giorno, arriviamo a 600mila vaccini al mese. Se funziona tutto alla perfezione, arriviamo a novembre-dicembre per completare la campagna di vaccinazione. Con il personale che abbiamo a disposizione, però, dobbiamo fare un miracolo”.

“Sarà una sfida terribile per tutto il 2021. Vi chiedo di aiutarci, con comportamenti responsabili. Faccio anche un appello agli anziani: non abbiate paura, vaccinatevi. Ogni cittadino, dopo la somministrazione della seconda dose, riceverà una tessera di avvenuta vaccinazione”, ha concluso De Luca.

Lascia un commento

2 × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.