Napoli-Fiorentina 6-0. Al Maradona goleada e grande prestazione degli Azzurri

Ad aprire le danze è Lorenzo Insigne, poi vanno in gol Demme, Lozano e Zielinski. Nel secondo tempo ancora in gol Insigne (questa volta su rigore, ndr) e Politano quasi allo scadere del tempo regolamentare

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Hysaj, Manolas (34′ st Rrahmani), Koulibaly, Mario Rui; Demme, Bakayoko; Lozano (17′ st Politano), Zielinski (28′ st Elmas), Insigne (34′ st Cioffi); Petagna (28′ st Mertens). Allenatore: Gattuso

FIORENTINA (3-4-2-1): Dragowski; Igor, Milenkovic, Pezzella; Venuti, Amrabat, Castrovilli (29′ st Pulgar), Biraghi; Callejon (29′ st Bonaventura), Ribery (1′ st Kouamé), Vlahovic. Allenatore: Prandelli

MARCATORI: 5′ pt Insigne, 36′ pt Demme, 38′ pt Lozano, 45′ pt Zielinski, 27′ st rig. Insigne, 44′ st Politano

ARBITRO: Chiffi di Padova

Il Napoli batte 6-0 la Fiorentina allo Stadio Diego Armando Maradona in gara valida per la 18esima giornata del campionato di Serie A. Gli Azzurri vanno in gol con Lorenzo Insigne al 5′ e poi dilagano con le reti di Demme, Lozano e Zielinski nel primo tempo. Nella ripresa il Napoli chiude i giochi andando in gol ancora con Insigne (su rigore, ndr) e con Politano allo scadere del tempo regolamentare. Tutto facile per la formazione di Gattuso, che ha dominato dall’inizio alla fine la gara e non ha mai sofferto particolarmente gli avversari. Una prestazione maiuscola da parte del Napoli, come non si vedeva da tempo. Questa volta non c’è stato bisogno di una valanga di tiri prima di trovare il gol. Gli Azzurri infatti si sono dimostrati precisi nelle conclusioni, non lasciando scampo al portiere Dragowski. Grazie ai tre punti conquistati il Napoli vola al terzo posto in classifica, supera la Juventus che è a 33 punti e aggancia la Roma sconfitta nel derby. Proprio la Juve sarà l’avversario degli Azzurri nella partita di Supercoppa Italiana in programma mercoledì. Gara secca a cui i ragazzi di Gattuso si presentano nel migliore dei modi dopo la goleada ai danni dei Viola.

Formazione tipo per gli Azzurri, costretti a rinunciare ai soli Osimhen e Fabian Ruiz poiché entrambi positivi al Covid19. Nella Fiorentina Prandelli prova ad affidarsi al talento dell’ex Callejon e di Ribery. Dopo un primo tentativo dei Viola, la partita si mette subito in discesa per il Napoli quando Lozano al 5′ scappa sulla fascia destra e serve in mezzo per Petagna, che è marcato e la rimette all’indietro per Insigne: per il capitano è quasi un rigore in movimento e Dragowki non ha scampo. La Fiorentina non ci sta e ha almeno tre occasioni per pareggiare, clamorosa quella di Biraghi che coglie la traversa dopo una deviazione di Demme. Proprio il centrocampista tedesco del Napoli al 36′ sigla il raddoppio per il Napoli, andando a colpire in scivolata su un assist sottoporta di Petagna. Un gol simile lo segna Lozano appena due minuti dopo, questa volta l’assist è di Insigne. Ancora pià bella la rete di Zielinski sul finire del primo tempo, con un tiro al limite dell’area che sibila il palo e rende impossibile la parata all’estremo difensore Viola. Il primo tempo termina 4-0 per il Napoli.

Nel secondo tempo i padroni di casa continuano a fare il bello e il cattivo tempo. Al 72′ Bakayoko si procura un rigore facendosi atterrare in area da Castrovilli. Sul dischetto va Insigne, che non sbaglia e fa 5-0. Nel finale si rivede in campo Mertens dopo una lunga assenza e l’esordiente della primavera Antonio Cioffi, ala sinistra classe 2002. Quasi allo scadere del tempo regolamentare il Napoli trova anche il 6-0 con Politano, che semina la difesa Viola in slalom e infila Dragowski. Non c’è più tempo ed è meglio così per la Fiorentina.

Lascia un commento

3 × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.