Si chiude la 69 mostra internazionale del cinema di Venezia tra conferme e delusioni per il cinema italiano.

Venezia, 8 settembre 2012. The End.
E’ giunta al termine la 69 mostra internazionale del cinema di Venezia e con essa anche la nostra fantastica trasferta al lido. Ieri sono infatti stati assegnati i vari premi tra cui l’ambito leone d’oro che, come era stato previsto, è andato al film coreano Pieta del regista Kim ki-duk. Tra gli altri film premiati anche The Master che ha ricevuto il leone d’argento per la miglior regia (oltre che la coppa volpi per la migliore interpretazione maschile assegnata ex aequo ai due protagonisti Joaquin Phoenix e Philip Seymour Hoffmann) e Paradies al quale è stato attribuito il premio speciale della giuria.

Forti delusioni invece per il cinema italiano nonostante la grande fiducia risposta nelle pellicole di Ciprì e Bellocchio. Gli unici premi ricevuti sono stati infatti l’osella d’oro per il miglior contributo tecnico per il film di Ciprì, E’ stato il figlio e il premio Marcello Mastroianni per il miglior attore esordiente che è andato a Fabrizio Falco per Bella addormentata, che da alcuni sono stati interpretati come dei semplici premi di consolazione.

Venendo alla nostra giornata, dopo una mattinata trascorsa a guardare gli ultimi film proiettati (tra cui Passion di Brian de Palma) abbiamo assistito all’ultimo red carpet della mostra su cui hanno sfilato i membri delle giurie tecniche, i registi e gli attori prima di entrare in Sala Grande per la cerimonia di premiazione. Proprio questa cerimonia, la più importante di tutta la manifestazione, è stata ricca oltre che di applausi anche di gaffe, tra premi scambiati, leoni che cadono e registi che cantano. Perlomeno non sono mancate le forti emozioni.

Abbiamo avuto poi la possibilità di assistere alle proiezioni dei due film premiati (che non avevamo ancora potuto vedere perché presentati quando ancora non eravamo qui) e non possiamo far altro che essere d’accordo con il verdetto della giuria. Si tratta infatti di due pellicole che oltre a poter vantare delle storie interessanti sono capaci di trasmettere anche delle fortissime emozioni.

Che altro dire se non che è stata un’esperienza fantastica, unica e sicuramente da ripetere? Bhe, che è stata sicuramente ancora più straordinaria viverla da inviata speciale di NapoliTime.

Alla prossima, Veronica.

Lascia un commento

1 + quattordici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.