Crisi di governo, De Luca punge: “Alcuni ministri non sarebbero neanche parcheggiatori abusivi”

Secondo De Luca “l’immagine che sta arrivando dalle istituzioni ai cittadini italiani è un’immagine vergognosa di mercato della politica”

“Per delicatezza non voglio dirvi nominativamente quello che penso di alcuni ministri del governo che si è dimesso. Ci sono stati ministri che in qualunque Paese civile del mondo avrebbero fatto fatica a essere impegnati anche come parcheggiatori abusivi”. A dirlo il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, parlando della crisi di governo durante la consueta diretta del venerdì su Facebook. “La democrazia è fatta anche di esempi, di pedagogia, di insegnamento, di dignità, altrimenti perde l’anima, perde il suo valore fondamentale. Se dovessi dire che la democrazia italiana in questo momento ha dignità, vi direi una cosa che non credo”, ha aggiunto.

Secondo De Luca “l’immagine che sta arrivando dalle istituzioni ai cittadini italiani è un’immagine vergognosa di mercato della politica”. “Per un decennio – ha spiegato – c’è stato chi in questo paese ha detto che bisognava evitare questo mercato della contrattazione politica permanente. Il Movimento 5 Stelle ha detto che non avrebbe fatto alleanze con nessuno e che per questo si candidava a governare l’Italia. Qualcuno di noi molto umilmente faceva notare che per governare da soli bisognava avere il 51%, che è difficile, che bisogna immaginare anche di costruire delle alleanze. Bastava un po’ di buon senso per capire che era necessario ragionare così. Oggi – ha proseguito De Luca – siamo arrivati addirittura all’eccesso opposto: non solo si parla di alleanze, ma si va alla contrattazione parlamentare per parlamentare. A me pare che questa sia un’immagine indegna della politica e delle istituzioni, altro che la battaglia contro la casta. Stiamo assistendo a uno spettacolo vergognoso”.

Lascia un commento

quindici + nove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.