Scuola: a Napoli rientro tra le proteste degli studenti

Studenti tra lezioni in presenza e Dad, assemblee e presidi

Flop per le linee dei bus scolastici messi in campo dall’Anm per il rientro oggi in aula degli studenti delle scuole superiori e lunghe file all’ingresso della stazione Piscinola della linea 1 della metropolitana. Così i trasporti a Napoli nel primo giorno di riapertura delle scuole superiori.

Gli studenti, dal canto loro, si sono riuniti in assemblea sulle scale della scuola del liceo classico Sannazaro a Napoli che dunque hanno deciso di non entrare in classe nel primo giorno di ripresa della didattica in presenza. Al suono della campanella dunque le aule sono rimaste vuote e gli studenti che, in virtù delle norme che fissano la presenza al 50 per cento, si sarebbero dovuti collegare in Dad hanno aderito allo sciopero non seguendo le lezioni in video.

Un’assemblea originata dalla confusione sulle nuove regole legate alla didattica e in particolare all’alternanza tra didattica in presenza e Dad, agli orari, alle norme per il pranzo per chi entrando alle 10 esce alle 15. Aule deserte anche al liceo ‘Pansini‘. Regolare invece l’ingresso alle ore 8 al ‘Mazzini‘. Qui gli studenti sono tornati nelle loro classi tra un misto di gioia e di preoccupazione.

In Campania le scuole superiori erano chiuse dallo scorso 16 ottobre e sono state riaperte oggi a seguito della pronuncia del Tar Campania che ha accolto un ricorso di gruppi di genitori No Dad. Regolare anche l’ingresso ai licei Labriola e Fonseca. In aula gli studenti delle classi prime del ‘Vittorini’ mentre per le ore 10 è annunciato un presidio all’esterno.

Lascia un commento

5 − 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.