Genoa-Napoli 2-1. Azzurri padroni del gioco ma sconfitti

Due errori del Napoli in fase difensiva permettono al Genoa di segnare con l’ex della gara Goran Pandev. La formazione di Gattuso è padrona del gioco sia nel primo che nel secondo tempo ma riesce ad accorciare solo al 79′ con Politano

GENOA (3-5-2): Perin; Goldaniga, Radovanovic, Criscito; Zappacosta, Strootman (22′ st Behrami), Badelj, Zajc (43′ st Rovella), Czyborra; Destro (34′ st Portanova), Pandev (22′ st Scamacca). All: Ballardini

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Manolas (24′ st Rrahmani), Maksimovic, Mario Rui; Elmas, Demme (33′ st Bakayoko), Zielinski (9′ st Insigne); Politano, Petagna (9′ st Osimhen), Lozano. All: Gattuso

MARCATORI: 11′ pt, 26′ pt Pandev (G), 34′ st Politano (N)

ARBITRO: Manganiello della sezione di Pinerolo

Il Genoa batte 2-1 il Napoli al Marassi in gara valida per la 21esima giornata del campionato di Serie A (seconda giornata del girone di ritorno), grazie a una doppietta dell’ex della gara Goran Pandev. A quasi 10 dal termine del match finalmente gli Azzurri trovano il gol per accorciare e lo mette a segno Politano. Risultato ingiusto per quanto fatto vedere dal Napoli, che è stato padrone del gioco sia nel primo che nel secondo tempo e ha avuto più di un’occasione gol (tra cui una traversa beccata con Petagna, ndr). Ma il calcio è anche questo, non sempre basta dominare per vincere. D’altronde il Napoli questo dovrebbe saperlo bene, non è la prima volta che la formazione di Gattuso subisce una sconfitta del genere. Attenuanti non possono essercene, le assenze di Mertens e Koulibaly per una squadra di vertice e che ha una rosa ampia infatti non possono esserlo. Purtroppo in difesa si continuano a fare i soliti errori, che costano caro. E a pagare se le cose continuano così sarà solo il mister (fose decisive le partite con Atalanta e Juve, ndr), che però non ha più responsabilità dei calciatori per il brutto spettacolo offerto finora. Complimenti al Genoa di Ballardini, che ha ottenuto i tre punti con il minimo sforzo e con quello che sa fare meglio: il catenaccio.

Il Napoli si presenta a Genoa senza Koulibaly e Ghoulam, entrambi risultati positivi ai tamponi Covid19. Insigne parte dalla panchina perché non in perfette condizioni, così come Osimhen che non ha ancora i minuti nelle gambe. In attacco quindi spazio a Petagna punta centrale mentre in difesa a far coppia con Manolas c’è Maksimovic. Nel Genoa, Ballardini senza Shomurodov schiera Pandev come partner di Destro, in difesa Goldaniga vince il ballottaggio con Masiello. All’11’ palla persa in malo modo da Maksimovic nel tentativo di passarla a Demme, che tuttavia non può arrivare sulla sfera e quindi la fa sua il Genoa: assist di Badelj per Pandev, che a tu per tu con Ospina non sbaglia e fa 1-0. Poco dopo grande occasione per il Napoli su punizione di Mario Rui, di testa va Petagna che trova però solo la traversa. Appena 3 minuti e un’altra ingenuità della difesa del Napoli (errore di posizione, ndr), con Maksimovic che perde Destro e permette a Pandev di far sua la palla e concludere in rete. Nel finale il Napoli va vicino al gol prima con Politano (fuori di poco) e poi con Zielinski (bella parata di Perin).

A inizio secondo tempo doppio cambio per Gattuso: fuori Zielinski e Petagna, dentro Insigne e Osimhen. Al 63′ palla gol proprio per il nigeriano, che va al tiro sottoporta ma spara alto. Nel Genoa Ballardini fa entrare Scamacca al posto dell’autore della doppietta Pandev, fuori anche Strootman e dentro l’altro ex della gara Behrami. Il Napoli nel frattempo perde Manolas, che esce dal campo zoppicando: dentro Rrahmani. Al 70′ Azzurri vicini al gol con Demme, ancora una volta Perin salva il Genoa. Altro palo per il Napoli al 77′, questa volta con il capitano Lorenzo Insigne. Due minuti più tardi finalmente la formazione di Gattuso accorcia le distanze con Politano, dopo un errore di Portanova: è 2-1. Nel finale, in pieno recupero, rigore clamoroso non assegnato al Napoli per fallo di Scamacca su Mario Rui: veementi proteste del terzino, che per questo viene ammonito. Sarebbe stato meglio se il fischietto di Pinerolo fosse andato a vedere l’azione all’on field review, ma così non è stato. Termina 2-1 per il Genoa, al suo terzo successo consecutivo.

Lascia un commento

18 + 9 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.