Covid: locali chiusi, nessun assembramento sul lungomare Caracciolo

Quasi tutti chiusi i ristoranti che si affacciano sul lungomare e nella zona della movida

A Napoli la folla che si registra nelle vie dello shopping – con i negozi alla viglia di una nuova chiusura – non si vede sul lungomare di via Partenope. Quasi tutti chiusi, infatti, i ristoranti che si affacciano sul Golfo che già con la zona arancione potevano lavorare solo con l’asporto e il delivery.

E quelli aperti si contano sulla dita di una mano. Pochi anche gli avventori che scelgono di prendere un pizza o un aperitivo da consumare a casa o lungo la strada. Situazione pressoché analoga anche nella zona dei ‘baretti di Chiaia’, insolitamente poco frequentati per essere un sabato. Per ristoratori e titolari di bar e locali il passaggio dalla zona arancione a quella rossa influisce poco dal punto di vista dell’operatività: ecco perché molti hanno scelto di rimanere comunque chiusi ritenendo che stare aperti per il solo asporto non fosse sufficientemente redditizio. E così, privato dell’attrattore dei locali, il lungomare partenopeo resta appannaggio degli automobilisti, dei runner e di chi ne approfitta per una passeggiata, ma senza che si verifichino assembramenti. Serrati i controlli con gli uomini dell’Esercito, della Polizia municipale e della Protezione Civile che monitorano con discrezione sull’utilizzo delle mascherine.

Lascia un commento

17 − 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.