Comune di Napoli, Donatella Chiodo è il nuovo assessore a Politiche sociali e Trasformazione digitale

La delega a Cultura e Turismo della dimissionaria Eleonora de Majo va all’assessore all’Istruzione Annamaria Palmieri

Il nuovo assessore a Politiche sociali e Trasformazione digitale del Comune di Napoli è Donatella Chiodo. La presentazione è avvenuta questa mattina presso la Sala dei Baroni del Maschio Angioino alla presenza del sindaco Luigi de Magistris. Classe 1977, Chiodo è stata presidente del Consiglio di Amministrazione della Mostra d’Oltremare S.p.A e presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Modò, oltre che docente di Marketing presso l’Università Suor Orsola Benincasa. Con l’occasione dell’entrata in Giunta di Chiodo la delega a Cultura e Turismo, rimasta vacante per le dimissioni di Eleonora de Majo, va all’assessore all’Istruzione Annamaria Palmieri.

“Donatella Chiodo è la persona giusta per affrontare questi sei-sette mesi che mancano alla fine della consiliatura. È una persona già rodata, che conosce la macchina amministrativa. È stata una decisione apprezzata anche dagli altri componenti della Giunta. Si occuperà di politiche sociali e welfare, ad eccezione del contrasto alla povertà che resterà in capo a Giovanni Pagano, a cui passeranno alcune deleghe precedentemente in capo ad Eleonora de Majo. Donatella si occuperà anche delle digitalizzazioni”, ha affermato il sindaco de Magistris.

La delega alla Cultura e Turismo andrà ad Annamaria Palmieri, una donna di cultura che conosce bene la macchina amministrativa. È un segnale forte per una città che tra le sue priorità ha messo proprio la scuola, la cultura ed il turismo”, ha proseguito il primo cittadino. “Sono fiducioso che quest’estate la cultura farà rumore nella nostra città. Guardo con fiducia ai prossimi mesi. Questo è il momento del lavoro e dell’impegno. Ringrazio gli assessori che hanno dato la disponibilità alle modifiche delle deleghe. Ringrazio Donatella che, accettando questo incarico per 6 mesi, in un periodo così importante, ha dimostrato grande amore per la città”, ha sottolineato il sindaco.

“Ho pensato molto a questa giornata, è un’emozione molto forte. Ringrazio il sindaco, quando mi ha chiamato non ho avuto esitazione ad accettare. Voglio svolgere al massimo i miei compiti e queste deleghe. Politiche sociali e trasformazione digitale sono importanti in questo periodo di crisi in cui il mondo sta cambiando. Ogni crisi va affrontata guardando avanti le opportunità che si aprono, ma senza dimenticare che ci sono persone fragili e deboli che nelle crisi vanno accompagnate e sostenute. Io potrò guardare avanti in prospettiva e stare vicina alle persone”, ha affermato l’assessore Chiodo.

“So di essere di fronte ad una grossa responsabilità. Cultura e istruzione stanno pagando il prezzo più alto alla pandemia. Stanno soffrendo tanto ed insieme devono risorgere. Eredito un grande lavoro di squadra fatto in precedenza da Nino Daniele prima ed Eleonora de Majo poi, anche se con diverse sensibilità. La cultura è il battito di questa città ed una grande risorsa”, ha invece detto l’assessore Palmieri.

Lascia un commento

sei − 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.