Dopo prime piogge con allagamenti di fango e liquami il maltempo non si fermerà

Pioggia-a-NapoliLe piogge degli ultimi giorni hanno già prodotto notevoli danni ed allagamenti nel napoletano in diverse zone della Campania.
A Pozzuoli a causa dell’allagamento della locale stazione della Cumana è stato interrotto il transito dei treni nel tratto compreso tra le stazioni di Gerolomini e di Cantieri. Il servizio è stato assicurato dalla Sepsa con i bus sostitutivi. L’allagamento, secondo quanto si è appreso da fonti della Sepsa, è stato causato dal mancato assorbimento della rete fognaria pubblica. La decisione di interdire il transito dei treni è stata presa, in via precauzionale, dai vigili del fuoco.

La più colpita nella giornata di ieri è stata Castellamare di Stabia dopo un nubifragio durato dalle 8.30 alle 9.30 ha provocato una frana nella zona di Madonna della Libera, con il fango che ha invaso le stradine ed è, violentemente, sceso fino a via Brin, via Duilio e piazza Fontana Grande. Evacuata per motivi precauzionali una scuola elementare e materna in via Fratte. Allagate anche via Roma, via Bonito, piazza Principe Umberto. Altro fronte d’allerta dal Sarno. Via Ripuaria, infatti, è stata chiusa al traffico. Tutto il centro cittadino si e’ trasformato in un lago con oltre 30 centimetri di acqua in piazza Monumento. Inoltre lungo la strada Panoramica, c’é stata una frana ed i vigili accorsi sul posto hanno comunicato che non ci sarebbero persone ferite.

Un traghetto di circa 50 metri della compagnia Volaviamare «Don Paolo» che collega Sorrento e Capri è rimasto incagliato nella scogliera affiorante a pochi metri dall’arenile di Castellammare di Stabia con a bordo sette uomini di equipaggio e la situazione e’ tenuta sotto controllo dai militari della Capitaneria di Porto.

Tragedia sfiorata a Torre del Greco in via Crescenzo Mazza. Un fiume di fango ha sorpreso diversi automobilisti che, intorno alle 8.30 di ieri mattina, stavano attraversando il sottopasso di recentissima costruzione che collega via Litoranea con via Nazionale. Una massa d’acqua e terreno che ha travolto in particolare una vettura il cui guidatore è riuscito a mettersi in salvo uscendo dal finestrino e aggrappandosi al tetto dell’auto.

Su 92 Comuni della provincia di Napoli lo stato d’allerta per le precipitazioni è scattato in 40 città con oltre duecento richieste d’intervento ai vigili del fuoco.

Ad Ottaviano l’acqua scesa dal Vesuvio, assieme al fango e ai detriti, ha causato danni alle strade cittadine, in alcune delle quali si sono aperte delle voragini. A Terzigno sono saltati i tombini e si sono allagati decine di sottoscala e cantine. Disagi anche a Striano e Poggiomarino. A Nola sono stati salvati dai vigili del fuoco due conducenti di camion rimasti intrappolati.

Napoli. Problemi tra Barra e Ponticelli dove il conducente di un tir, andatosi a infilare in una strada chiusa al traffico è rimasto bloccato dall’acqua e quindi intrappolato all’interno della sua cabina. Sono intervenuti i vigili del fuoco sommozzatori con un canotto per trarlo in salvo. Disagi e segnalazioni anche nella zona di Fuorigrotta.

Nel salernitano il maltempo ha provocato dalle 9.40 alle 10.50 la sospensione della circolazione dei treni Regionali sulla linea costiera Napoli – Salerno . E’ rimasta temporaneamente chiusa al traffico anche la rampa di uscita dello svincolo di Battipaglia, in carreggiata nord, dell’A3 Salerno-Reggio Calabria. Due gli istituti evacuati in via precauzionale a Nocera Inferiore e Castel San Giorgio. Le precipitazioni hanno trasportato fango e detriti sui binari e allagato il sottopassaggio nella stazione di Nocera Inferiore. Coinvolti sei treni Regionali che hanno registrato ritardi medi di circa un’ora. L’intervento dei tecnici delle Fs ha consentito di ripristinare la normalita’.

Disagi si sono avuti nel territorio del Cilento, in particolare sulla fascia costiera e, nel dettaglio, nei comuni di Ascea, Casal Velino e Camerota. In particolare il torrente Solofrana è esondato a Pagani e le sue acque hanno invaso le strade e alcuni terreni agricoli. In piazza Sant’Alfonso allagati i seminterrati di una scuola elementare che è stata così fatta evacuare. Gravi danni a Cicalesi di Nocera Inferiore, dove alcune famiglie sono state evacuate dalle loro abitazioni ed i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per soccorrere soprattutto i bambini. Evacuata una scuola in località San Mauro a causa dell’allagamento del piano interrato. Problemi anche al tribunale di Nocera Inferiore, allagamenti anche a Scafati.

La Giunta Comunale di Castel San Giorgio, guidata dal Sindaco Franco Longanella, comunica di aver deliberato la dichiarazione dello stato di calamità naturale del territorio comunale a seguito degli eventi meteologici del 13 settembre 2012. La delibera di giunta è stata inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Protezione Civile, Regione Campania, Prefetto di Salerno, Provincia di Salerno, a ciascuno per le proprie competenze istituzionali, il Comune di Castel San Giorgio chiede di attivare le necessarie procedure di tutela del territorio nonché l’assegnazione di adeguate risorse finanziarie.

Il maltempo che sta interessando il centro sud dell’Italia continuerà ad interessare le regioni centro meridionali, portando ancora piogge e temporali. Il Dipartimento della Protezione civile ha emesso una nuova allerta meteo che prevede a partire dal pomeriggio di oggi, ancora piogge e temporali localmente anche molto intensi su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. I fenomeni potranno essere accompagnati da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento.

FOTO: tratta da panorama.it

Lascia un commento

6 + dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.