Ristoratori area vesuviana contro il governo, è un decreto chiusura

“Ma quale riapertura, quello del Governo Draghi assomiglia più a un decreto chiusure”. La dura presa di posizione di ristoratori, albergatori e stagionali dell’area vesuviana

“Più che un provvedimento per favorire le riaperture, quello varato dal governo è un ‘decreto chiusure’ per molte attività dell’area vesuviana”. Non usano giri di parole gli imprenditori vesuviani dell’area del wedding. Ristoratori, albergatori e stagionali, che di recente hanno formato il progetto aggregato “i Vesuvio”, non ci stanno all’enfasi data al decreto legge che ha stabilito come le cerimonie legate agli eventi (matrimoni, battesimi, comunioni e feste di compleanno) non potranno riprendere prima del 15 giugno. E in una nota formale inviata ai ministri dello sviluppo economico e per il Sud e la coesione territoriale, Giancarlo Giorgetti e Maria Rosaria Carfagna, oltre al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, scrivono: “Come se non bastasse le regole parlano della necessità di essere in possesso del certificato di avvenuta vaccinazione o comunque del cosiddetto ‘green pass’ o comunque della necessità di effettuare un tampone entro 48 ore prima dai festeggiamenti. Quasi che ci sia una ostinata ricerca di potenziali ‘untori’ tra parenti e amici che, impauriti, potrebbero rinunciare ad essere protagonisti di un evento che invece dovrebbe essere per tutti un momento da sogno”.

Gli imprenditori sottolineano come “sul calendario, dal primo gennaio al 15 giugno 2021, contiamo 165 giorni passati senza lavorare, fermo restando che paghiamo tasse e tributi vari per 360 giorni di lavoro” evidenziando “la forte preoccupazione non solo per l’economia delle nostre attività ma soprattutto  per la delegittimazione di quanti, restano quotidianamente aperti senza cedere a idee poco logiche se non dannose per l’intera comunità”.

Infine, gli aderenti al progetto aggregato “i Vesuvio” spiegano che restano in attesa di una risposta da parte del ministro per gli Affari regionali, Maria Stella Gelmini, alla quale la settimana scorsa avevano indirizzato una lettera nella quale indicavano alcune idee per una riapertura graduale e in sicurezza del settore eventi legati alla filiera del wedding. “Il segnale – concludono – sarebbe ripartire il 31 maggio, visto che l’evidente decrescita dei contagi non avrebbe un colore soggettivo semmai quella normalità da vivere nel segno del domani da costruire ‘insieme’. Un atto d’amore e di partecipazione”.

Lascia un commento

diciotto − undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.