Comunali Napoli 2021, de Magistris: “Manfredi scelta verticistica. I 5 Stelle? Hanno tradito la democrazia partecipativa”

Il sindaco uscente si è espresso sulla spaccatura del Movimento Cinque Stelle a Napoli

“Il Movimento 5 Stelle ha fatto della democrazia partecipativa e della democrazia dal basso un suo punto di forza, poi molto tradito nel tempo. A livello locale ci sono ancora tanti che vogliono lottare dal basso e questo fa venire fuori una serie di contraddizioni e un quadro tutt’altro che granitico nella forza di alcune candidature, molto pompate mediaticamente ma che poi bisognerà verificare quando si farà la campagna elettorale e si starà tra la gente”. A dirlo il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ai microfoni di Radio Crc in merito alla spaccatura del Movimento Cinque Stelle in città (vai all’articolo), con gli attivisti storici che hanno fatto sapere di non essere disposti a sostenere la candidatura a sindaco dell’ex ministro Gaetano Manfredi, una candidatura decisa a Roma da parte dei vertici di Pd, 5 Stelle e Leu.

Secondo il sindaco uscente quella di Manfredi è una “scelta verticistica” e si è di fronte a “un quadro partitico tradizionale fluido, con i partiti che non hanno più la capacità di una volta di prendere delle decisioni, di assumerle in maniera condivisa e di portarle avanti”. “Alcune decisioni – ha concluso de Magistris – vengono prese da 2 o 3 persone all’interno di una stanza e poi si riempiono la bocca di democrazia partecipativa, di coinvolgimento della gente, di assemblee, di stare tra le persone”.

Lascia un commento

4 + 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.