Metrò Napoli: ancora fumata nera per l’entrata in servizio dei nuovi treni

Sindacati, necessarie modifiche. Rinvio anche per stazione Duomo

E’ saltata anche la data di giugno per la messa in servizio dei nuovi treni del Metrò linea 1 di Napoli. Problemi tecnici e burocratici continuano a tenere fermi in deposito i nuovi convogli – cinque quelli consegnati finora ad ANM dalla impresa CAF di Bilbao – mentre i treni in servizio, realizzati negli anni ’90, sono ormai ai limiti della resistenza.

Il primo dei 20 treni commissionati in Spagna è stato consegnato all’ ANM il 9 marzo 2020. “Per giugno potranno cominciare a funzionare” aveva annunciato il 21 aprile l’ ingegnere Serena Riccio, dirigente del servizio linea 1 della Metropolitana di Napoli. In precedenza, il vicesindaco Carmine Piscopo aveva indicato per aprile la data di avvio dei nuovi treni. “C’ è un problema tecnico di tenuta della rete – dice il segretario della Faisa Cisal, Francesco Falco – rispetto all’ assorbimento di energia dei nuovi treni, che è maggiore di quello che la rete riesce a reggere, e c’ è un problema nell’ apertura delle porte. Quando potrebbero cominciare a funzionare i nuovi treni ? “Non c’è una data, ci sono problemi da risolvere e l’ ANM, che ha subito dal Comune un taglio di 10 milioni nel contratto di servizio, ha una gestione deficitaria. Il sindaco De Magistris aveva promesso che i trasporti di Napoli sarebbero diventati come quelli del Giappone, ma ha sbagliato Paese, forse voleva dire il Congo”.

“I treni arrivati a Napoli – dice Fabio Cuomo, vicesegretario regionale di ORSA – devono essere modificati nel sistema di apertura delle porte, diversamente l’ USTIF non rilascerà la certificazione di idoneità. Siamo fortemente preoccupati. Se l’ azienda non riuscirà a mettere in funzione almeno due dei nuovi treni per settembre – cosa molto difficile – alla ripresa delle scuole per la Linea 1 sarà il collasso. Oggi si va avanti con 6 treni in funzione”. Nuovo rinvio anche per l’ apertura della Stazione Duomo, pure annunciata per giugno. I lavori della stazione, in Piazza Nicola Amore, sono cominciati nell’ anno 2000. Per i sindacati, con le ferie del personale, un’ apertura in piena estate è improbabile. Ma fonti interne di ANM parlano di una possibile apertura a luglio, tenendo conto anche della campagna elettorale per le comunali.

Lascia un commento

1 × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.