Covid19, De Luca: “Non avrei dubbi nel rendere obbligatorio il vaccino”

Per De Luca a fine agosto vanno prese “decisioni importanti”, invece ancora oggi il governo prenderebbe “mezze misure”

Napoli, 6 agosto – “Siamo entrati in una fase delicata per quanto riguarda il Covid. Dobbiamo contemperare due esigenze: sostenere le attività economiche e aprire gli occhi verso nuovi contagi e verso l’aggressività della variante Delta. Questo rende difficile l’attività del Governo, che continua a prendere mezze misure. Si vuole superare il 20 agosto per non deprimere le attività economiche. Poi andranno prese decisioni impegnative. Io, ad esempio, non avrei dubbi sull’obbligo vaccinale”. A dirlo il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, durante il consueto monologo del venerdì sui social per fare il punto sull’emergenza Covid19.

“Questa generazione sta perdendo anni di vita – sostiene il governatore –, come avvenne durante le guerre. L’incertezza per il futuro è peggio di qualsiasi misura si possa prendere oggi. Sarebbe preferibile prendere decisioni drastiche per un futuro di certezze. Trovo sconcertanti le posizioni di alcuni esponenti politici come Salvini e la Meloni, contro il Green pass. Non si capisce cosa vogliano. Se l’alternativa è il nulla, meglio tacere. La critica che va fatta al Governo è che non è stato capace di produrre un vaccino italiano”.

“In Campania siamo oggi a 526 positivi – spiega De Luca –. Tra i positivi ci sono anche cittadini vaccinati con due dosi da più di 15 giorni. 9 vaccinati positivi su 10, però, sono asintomatici. Chi non è vaccinato, invece, va quasi sempre in ospedale. Completare la vaccinazione significa evitare problemi seri. Per questo chi fa la battaglia di retroguardia contro Green Pass e cose varie è doppiamente irresponsabile”. “In Campania dobbiamo immunizzare 1,2 milioni di cittadini ancora. Comincio a raccomandarmi perchè ci sia un afflusso massiccio ai centri di vaccinazione dopo il 20 agosto, perchè dobbiamo avere un anno scolastico tranquillo”, ha proseguito De Luca parlando della campagna vaccinale.

“Dobbiamo muoverci – ha aggiunto – perchè da ottobre comincerà anche la campagna di vaccinazione anti-influenzale e non sappiamo ancora se dovremo iniziare quella per la terza dose per chi si è vaccinato a gennaio. L’Asl Napoli 2 ha sospeso 23 dipendenti, medici, infermieri, collaboratori, che non intendevano vaccinarsi. Saremo rigorosi ed inflessibili. Faremo le verifiche anche sul personale privato convenzionato”.

“Vi prego di non perdere la testa a Ferragosto. Fatelo per voi e per i vostri figli. Più siamo responsabili, prima finisce questo calvario del Covid. Se saremo responsabili, da fine settembre/inizio ottobre inizieremo a respirare. Con feste e festini a Ferragosto nei luoghi balneari, rischiamo poi di contare i ricoveri a migliaia a inizio settembre”, ha concluso il governatore.

Lascia un commento

13 + sedici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.