Genoa-Napoli 1-2. Altra gara di sofferenza e altra vittoria per gli Azzurri

Dopo la vittoria con il Venezia in casa, il Napoli batte anche il Genoa al Marassi. Il vantaggio iniziale lo firma Fabian Ruiz, poi il pari dei padroni di casa nel secondo tempo con Cambiaso. Nel finale il neoentrato Petagna va in gol regalando i tre punti al Napoli. Polemiche per un gol dell’ex Pandev annullato al Genoa

GENOA (3-5-1-1): Sirigu; Vanheusden (67′ Masiello), Biraschi, Criscito; Ghiglione (83′ Behrami), Rovella, Badelj, Sturaro (67′ Kallon), Cambiaso; Hernani (46′ Pandev); Ekuban (46′ Buksa). All. Ballardini

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui (90’+2 Juan Jesus); Fabian Ruiz, Lobotka, Elmas (90’+2 Gaetano); Politano (82′ Petagna), Insigne, Lozano (70′ Ounas). All. Spalletti

MARCATORI: 39′ Fabian Ruiz (N), 69′ Cambiaso (G), 84′ Petagna (N)

ARBITRO: Di Bello della sezione di Brindisi

Il Napoli batte 2-1 il Genoa in gara valida per la seconda giornata del campionato di Serie A. Gli Azzurri vanno in vantaggio al 39′ con un bel gol di Fabian Ruiz. I cambi di Ballardini però trasformano il Genoa e proprio il neoentrato Pandev (ex della gara, ndr) approfitta di un’uscita avventata di Meret per firmare l’1-1. L’arbitro viene richiamato dal Var e dopo aver visionato le immagini decide di annullare la rete, giudicando falloso il contatto con il portiere di Buksa. Il Marassi è una bolgia e il Genoa continua a creare grattacapi agli Azzurri. Alla prima sbavatura difensiva dei due esterni del Napoli, vale a dire Mario Rui e Di Lorenzo, il giovane Cambiaso segna la prima rete in Serie A portando il Genoa sul risultato di 1-1. Nel finale Spalletti decide di sostituire Politano con Petagna, che va in gol di testa sfruttando un cross teso dalla sinistra: è la rete che regala i tre punti al Napoli. La formazione di Spalletti continua a vincere ed è finora a punteggio pieno con 6 punti in classifica mentre per la formazione di Ballardini è il secondo Ko di fila dopo quello con l’Inter.

Il tecnico del Genoa schiera un 3-5-2 con Hernani ed Ekuban in avanti; sugli esterni ci sono Ghiglione e Cambiaso. Scelte obbligate di formazione per Spalletti per quanto riguarda il centrocampo. Il tecnico del Napoli è costretto a fare a meno dello squalificato Osimhen e dell’infortunato Zielinski: al posto dell’attaccante viene schierato Insigne nel ruolo di falso nove mentre al posto di Zielinski c’è Elmas. Gli Azzurri partono bene, andando vicino al gol prima con Lozano e poi con Insigne. Alla mezz’ora il gol del vantaggio lo firma Fabian Ruiz con un tiro di sinistro a fil di palo, imparabile per Sirigu. Ballardini decide di effettuare i primi cambi e il Genoa si trasforma.

Nel secondo tempo i padroni di casa sono tutta un’altra squadra. Al 50′ Meret è costretto agli straordinari su Ghiglione ma il gol della formazione di Ballardini è nell’aria. Appena 4 minuti dopo lo segna l’ex Pandev, approfittando di un’uscita avventata di Meret nel tentativo di anticipare Buksa. L’arbitro inzialmente convalida la rete ma poi viene richiamato dal Var per il contatto tra il giocatore del Genoa e il portiere: Di Bello cambia la sua decisione giudicando falloso l’intervento. Spalletti decide di far entrare prima Ounas, che crea qualche grattacapo agli avversari grazie alla sua velocità e poi Petagna. Appena 2 minuti dopo il suo ingresso l’ex Atalanta segna il gol vittoria, anticipando Masiello su cross di Mario Rui. Il Napoli vince anche la seconda partita del campionato, prossimo avversario la Juventus dopo la sosta per le nazionali.

Lascia un commento

16 − quindici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.