Educational Tour alla scoperta dei Patrimoni dell’UNESCO, la Regione Campania tra le protagoniste del progetto.

napoli-UNESCOIl 1 ottobre si è concluso l’Educational Tour alla scoperta dei Patrimoni dell‘UNESCO in Italia, intitolato “Patrimoni dell’Umanità“, che ha coinvolto dieci Operatori Turistici brasiliani.

Il progetto, organizzato dalla sede di San Paolo dell’ENIT, Agenzia Nazionale Turismo, è stato sponsorizzato dalla TAM Linhas Aéreas in collaborazione con la Regione Campania, la Rail Europe, specialista in Italia per la promozione e la distribuzione dei prodotti ferroviari europei che ha offerto i trasferimenti in treno, e da alcuni Operatori italiani. (Fonte Ufficio Stampa ENIT). I Tour Operator partecipanti, provenienti da differenti aree del Brasile, sono stati selezionati dall’Ufficio ENIT e dalla Compagnia aerea TAM tra quelli interessati a sviluppare nuovi pacchetti di viaggio verso destinazioni italiane che, pur essendo patrimoni dell’UNESCO, attualmente non rientrano nei comuni circuiti turistici più diffusi in Brasile.

Il Tour, iniziato lo scorso 24 settembre, ha toccato varie mete turistiche della Campania: la Penisola Sorrentina, la costiera amalfitana, l’isola di Ischia, la città di Napoli arrivando fino all’Irpinia, dove l’attenzione è stata focalizzata su siti culturali inseriti nel circuito dei borghi e dei castelli. Il viaggio è proseguito verso Matera, Ostuni ed Alberobello.

La tappa irpina si è conclusa con un importante evento serale, nel quale il Vice Presidente della Giunta Regionale della Campania con delega al Turismo e ai Beni Culturali, Giuseppe De Mita, ha presentato il progetto “50mila turisti. Ritorno alle origini”, un piano promosso dalla Commissione Europea e sostenuto dall’Assessorato al Turismo della Regione Campania.

Lo scopo del disegno è quello di creare una campagna di comunicazione e promozione finalizzata ad attivare il flusso turistico tra il Sud America e l’Unione europea. Saranno proprio 50mila i turisti incoraggiati a recarsi in Europa il prossimo anno, e per “Ritorno alle origini“, s’intende che l’invito verrà esteso anche ai tanti cittadini Italiani, sopratutto provenienti dal Mezzogiorno, emigrati in America Latina. Il periodo proposto sarà quello che va da Marzo ad Ottobre. Le offerte di viaggio consigliate dai Tour Operator brasiliani saranno fruibili da un’ampia gamma di viaggiatori perché altamente innovative e capaci di spaziare tra le svariate tipologie che il nostro Paese è in grado di garantire: Turismo culturale, Turismo mare, natura, rurale e Turismo enogastronomico.

Attualmente, la Commissione Europea sta operando in collaborazione con i Ministeri del Turismo dei Governi europei e le grandi compagnie aeree con l’intento di alimentare, ulteriormente, il movimento di passeggeri verso gli Stati membri durante tutto il periodo dell’anno. Ricordiamo ai nostri lettori che, in Europa, l’Italia è la nazione che detiene il maggior numero di siti inclusi nella lista dei patrimoni dell’umanità, 47 in totale, seguita dalla Spagna che ne ha 44.

Foto: targa UNESCO in Piazza del Gesù Nuovo in Napoli.

Lascia un commento

tre + 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.