“Il Turismo, fattore economico di sviluppo locale. Alcuni approfondimenti su Governance, Tematismi e Aspetti infrastrutturali”.

Questo il titolo del nuovo numero della rivista internazionale Rassegna Economica.

Ieri 9 ottobre, nella sede del Banco di Napoli in via Toledo, è stato presentato il nuovo numero della rivista internazionale Rassegna Economica dal titolo: “Il Turismo, fattore economico di sviluppo locale. Alcuni approfondimenti su Governance, Tematismi e Aspetti infrastrutturali“.

L’evento, come spiegato nel comunicato stampa, “ha preso spunto dalle analisi e dalle riflessioni emerse dal nuovo numero monografico della rivista sul Turismo, inteso come vera risorsa per il Paese, capace di garantire uno sviluppo sostenibile e una ricaduta economica e sociale sul territorio”. Durante l’incontro, sono stati approfonditi gli aspetti connessi alle imprese ed alle infrastrutture e le dinamiche che coinvolgono in maniera sinergica gli altri settori produttivi. I lavori sono stati introdotti dal Presidente del Banco di Napoli, Maurizio Barracco e dal Presidente di SRM, Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, Paolo Scudieri. I contenuti del volume e gli obbiettivi sono stati presentati dal Direttore Generale di SRM, responsabile della rivista, Massimo Deandreis. La tavola rotonda, sede di approfondimento dei temi trattati dalla rivista, è stata animata da illustri partecipanti: Joseph Ejarque, Presidente e Amministratore Delegato di Four Tourism; Cesare Imbriani, Ordinario di Economia Politica e di Economia Internazionale presso l’Università “La Sapienza”; Domenico Pellegrino, Managing Director MSC Crociere e Giuseppe Tardivo, Ordinario di Economia e gestione delle imprese presso l’Università di Torino.

Il punto di partenza è stato quello di focalizzare l’attenzione sulla dimensione del comparto ed il peso economico dello stesso: “il settore, ha un valore aggiunto pari a 82,8 mld. di euro, pari al 6% del valore aggiunto totale dell’economia; l’Italia, è tra i primi dieci Paesi per domanda turistica straniera e si posiziona al quinto posto nella graduatoria, con 46,1 milioni di turisti. Il settore vanta inoltre nel Paese oltre 6,5 milioni di occupati ed oltre 33mila strutture alberghiere”.

Giuseppe Castagna, Direttore Generale del Banco di Napoli, ha sottolineato che la storica Banca italiana rinnova l’impegno “Per stimolare riflessioni sullo sviluppo dell’economia meridionale nel contesto nazionale e internazionale” ed ha ricordato, inoltre, che Rassegna Economica, è il più antico periodico bancario del Paese. “Ritengo importante aver dedicato questo nuovo numero della rivista alle problematiche di un settore così strategico per il Mezzogiorno, specie in questo momento di crisi. Emerge un Sud che ancora non sa sfruttare a pieno il turismo come fattore di sviluppo e di traino per la ripresa pur avendo già numeri importanti e molte potenzialità. I dati evidenziati da Rassegna Economica sono la base su cui stimolare una riflessione e su cui lavorare per migliorare. Noi ci sentiamo impegnati perché siamo consapevoli che questo tema rappresenta una leva importante per la ripresa del Mezzogiorno. E se il Sud riparte, riparte anche l’Italia“.

Il Direttore Generale di SRM, Massimo Deandreis, ha sottolineato che la scelta di dedicare al Turismo questo numero di Rassegna Economica nasce dalla volontà di ribadire l’importanza del settore come fattore di crescita e sviluppo, nel Mezzogiorno ed in Italia. “Grazie al lavoro di ricerca di autorevoli esperti del settore è stato possibile individuare alcune strade da seguire, in particolare su governance, infrastrutture, policy territoriali e sistemi moderni di marketing. Secondo le stime di SRM, nel Mezzogiorno, ogni presenza turistica aggiuntiva (sia esso un turista nuovo che arriva oppure uno che decide di trattenersi un giorno in più) genera un Pil di 70,8 euro, importo elevato, ma tuttavia inferiore alla media italiana. Questo denota che il turismo, nel Mezzogiorno, ha spazi potenziali di crescita in termini di ricaduta economica, soprattutto se si rafforza la sinergia con cultura e agroalimentare che in altre regioni, anche europee, è la chiave per spiegare performances più elevate”.

La giornata si è conclusa con la cerimonia di assegnazione del “PREMIO Rassegna Economica 2012” presieduta da Massimo Marrelli, Rettore dell’Università di Napoli Federico II. Il Premio, quest’anno è stato indirizzato a saggi presentati da giovani ricercatori che hanno trattato i temi dell’interscambio e l’integrazione economica tra il Nord ed il Sud Italia e sulle relazioni economiche tra l’Italia ed il Mediterraneo.

Lascia un commento

quindici + tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.