Camorra. Giù le mani dalle nostre scuole.

ScuolaPozzuoli, 16 gennaio 2013 – Profondo sconcerto accomuna tutti noi, rammaricati di fronte alla notizia delle due scuole puteolane barbaramente incendiate la notte del 9 gennaio.

Il liceo artistico “Ettore Majorana” e la scuola media “Diaz”, entrambe situate a Monteruscello, quartiere che, certo già non manca di problemi, sono state bersaglio di un attentato di cui non è ancora ben chiara la motivazione.

Gettare benzina sui banchi e sulle sedie, dove i ragazzi tutte le mattine studiano e seguono le lezioni, è un gesto vile e vigliacco. Si parla di “modalità di stampo camorristico” e, non a caso, le due scuole si trovano in un territorio che è stato individuato come la sede principale del clan Longobardi-Beneduce.

Se così fosse, non sarebbe la prima volta che ci troviamo di fronte ad attacchi che la camorra volge persino nei confronti delle scuole. Dimostrando, ancora una volta, di non avere il dovuto rispetto per luoghi che, al contrario, dovrebbero essere considerati sacri e inviolabili.

Solidarietà è stata espressa dai cittadini agli studenti che, in questi giorni non potranno recarsi negli edifici scolastici ricordando loro che, anche se difficile,  non devono cedere ad alcun tipo di timore, perché di fronte a qualsiasi atto di violenza il modo migliore di rispondere è col coraggio.

Lascia un commento

1 × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.