L’istruzione rischia di essere sfrattata da Napoli. Stessa sorte per la salute?

scuola-chiusaL’eco che risuona dalle casse ormai vuote del Comune di Napoli rimbomba facendo tremare gli stabili delle scuole partenopee. La firma del decreto salva-comuni (decreto 174) ha reso, di fatto, la situazione ancora più critica, in quanto non sono previsti nuovi contratti di affitto, ma solo vendite e dismissioni per evitare il default, ovvero il fallimento del Comune.

L’annosa questione delle scuole e della loro ristrutturazione vede l’accorparsi del problema dei contratti di affitto in scadenza o già in morosità. Così ben cinque scuole cittadine sono a rischio sfratto. Al Vomero, la scuola Belvedere i cui alunni sono stati spostati presso l’Istituto Comprensivo U. Saba (per morosità), la scuola d’infanzia Cantico delle Creature (per morosità), la scuola elementare Boschetti Alberti (per fine locazione) in via Nazionale delle Puglie e la scuola dell’infanzia Collodi (per fine locazione) a Bagnoli. L’istituto comprensivo Augusto, in via Terracina a Fuorigrotta, dovrebbe riuscire ad aggirare lo sfratto in base ad un cavillo contrattuale. Ma ci sono altre scuole con contratti in scadenza le cui sorti sono indirizzate verso un analogo destino delle precedenti.

L’assessore all’Istruzione Annamaria Palmieri ha indirizzato una lettera al direttore generale Attilio Auricchio nella quale richiede che il nodo di questa situazione venga sciolto al più presto perché dice: “Sono continuamente inseguita da pratiche di sfratto e sgombero. Da una parte perché il Comune paga con ritardo e dall’altra perché i contratti sono scaduti e per legge non possiamo rinnovarli. Infatti, se vendiamo i nostri immobili come previsto dal decreto 174 per il pre-dissesto perché non ci sono soldi, come possiamo poi giustificare nuovi fitti passivi? Una domanda a cui rispondere al più presto e una situazione da risolvere perché spostare un ufficio Anagrafe in un altro immobile è una cosa, ma per una scuola è ben più complicato.”

Per ora solo le scuole sono nel mirino degli sfratti, ma tra gli immobili del comune fanno parte anche ospedali. Saranno sfrattati anche questi?

Lascia un commento

quattordici − 9 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.