Non basta Inler a piegare la Juve, ma Mazzarri recrimina. Le pagelle di NT.

InlerNapoli, 2 marzo 2013- Sono partite al veleno, sono partite che cominciano un mese prima e che durano un altro mese. Napoli – Juventus non è mai una partita normale, non ha mai una fine né un inizio banale. Dai cori che partono dagli spalti dello Juventus Stadium, passando per il lancio di uova e sassi contro il pulman della Juventus che attraversa la città, alla partita giocata nel rettangolo verde del San Paolo fino alle dichiarazioni finali di Mazzarri.

Tutto questo è Napoli – Juventus, non una semplice partita che il Napoli deve vincere ad ogni costo per tornare a coltivare il sogno scudetto e che la Juve, per stessa ammissione di Conte, vuole pareggiare per tenere a distanza i rivali. Il primo tempo della partita dice però subito Juventus: disarmante la superiorità a centrocampo dei bianconeri, le punte azzurre corrono a pressare i tre difensori della Juventus ma lasciano Pirlo libero di ricevere. Il regista juventino allora non si sforza nemmeno di liberarsi di un avversario e distribuisce palloni per gli arrembanti Licthsteiner e Peluso, che pure gioca una grande partita, salvo poi lanciare direttamente Vucinic e Giovinco.

Sempre in apprensione la difesa del Napoli nei primi minuti, una rasoiata di Vucinic apre una prateria per Licthsteiner, ma il cross dello svizzero è pessimo. Calcio d’angolo della Juventus dopo appena 10 minuti, Pirlo va corto da Vucinic che gli restituisce la palla, Pirlo finta su Inler e fa un cross dei suoi con il sinistro: salta più in alto di tutti Chiellini che sovrasta Britos e mette alle spalle di Morgan De Sanctis il pallone dell’1-0. Chiellini era rimasto fuori per infortunio quasi tre mesi, un recupero importante per i bianconeri e subito decisivo al ritorno in campo da titolare. Ancora Pirlo liberissimo al 12′ offre al terzino svizzero una palla in profondità, Inler lo butta giù con un il corpo ma in maniera irregolare, l’arbitro lascia comunque proseguire.

Il Napoli sembra reagire al gol ed ancora Pirlo cede a Giovinco che manda in porta Vucinic ma il montenegrino esagera e spara clamorosamente addosso all’estremo difensore partenopeo un pallonetto debole. Il Clamoroso errore non scuote il Napoli ed ancora la Juventus pericolosa: un bel cross di Giovinco in contropiede permette a Vucinic di staccare in area ma il pallone scivola ancora sul fondo. Non è serata per il numero 9 bianconero che perde il tempo su un intervento a centrocampo e regala il pallone agli azzurri, ma il tiro di Hamsik vola alto sulla traversa. Momento positivo per il Napoli che recupera palla con un Behrami inarrestabile che cede a Cavani che spreca senza riuscire a fare gioco. Spunto di Inler sul finale di tempo, un tiro da fuori viene deviato da Bonucci di testa nell’angolo alto della porta dove Buffon non può arrivare.

Episodi scorretti tra Chiellini e Cavani, una spinta energica del Matador non viene accolta molto bene dal difensore bianconero che lo insegue e, senza farsi accorgere, gli tira i capelli fingendo un abbraccio. Sull’angolo successivo il Matador si vendica rifilandogli una gomitata, ma l’assistente di porta gli evita l’espulsione sacrosanta compensando con un giallo. Il secondo tempo cambia la faccia dei padroni di casa che tentano senza riuscirci la riscossa: Hamsik impegna Buffon che devia in angolo. Ancora Hamsik da fuori tenta di sorprendere Buffon che stavolta para ma respinge a due passi dove c’è Dzemaili che da due passi mette fuori clamorosamente. La Juventus guadagna un punto che mantiene inalterato l’equilibrio e che, proprio come voleva Antonio Conte, rilancia la Juventus sempre a +6. Napoli che doveva vincere a tutti i costi e che si trova a dover fare i conti con il terzo pareggio consecutivo in campionato.

Mazzarri al veleno nel post partita reclama “due rigori per il Napoli, clamorosi e non concessi dall’arbitro”, il tecnico partenopeo accampa scuse su una prestazione non proprio brillante dei suoi che nel secondo tempo hanno pure sprecato il 2-1, ora il Napoli deve puntare a consolidare il secondo posto.

Pagelle:

Juventus: Buffon 7, Chiellini 6,5 Bonucci 6 Barzagli 6,5; Vidal 6 Pirlo 7 Marchisio 6 Licthsteiner 7 Peluso 6,5; Vucinic 5(Pogba 6), Giovinco 6 (Matri s.v).

Napoli: De Sanctis 6,5, Campagnaro 6 Cannavaro 5,5 Britos 5(Dzemaili 4,5) Inler 5,5 Behrami 7,5 Maggio 6  Zuniga 5,5(Armero s.v.) Hamsik 6,5 Cavani 4,5 Pandev 5(Insigne 6)

Lascia un commento

5 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.