Il rogo di Città della Scienza e la mostra che non vedremo più.

Incendio-Citta-della-ScienzNapoli, 5 marzo 2013, Città della Scienza – Il rogo nei capannoni a ridosso della linea di costa ha coinvolto i laboratori, il planetario, il museo scientifico nonché il materiale della mostra sull’esploratore e scienziato norvegese Fridtjof Nansen prevista fino a fine maggio. La mostra era stata presentata il 22 febbraio scorso con una conferenza stampa e sarebbe stata curata dall’Ambasciata Norvegese, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) – Dipartimento Scienze del Sistema Terra e Tecnologie per l’Ambiente, in collaborazione con Associazione Circolo Polare di Milano, dalla Fondazione Idis – Città della Scienza, dalla Stazione Zoologica Antonio Dohrn e dall’ Associazione Culturale Neverland (Roma).

L’idea era nata nel 2011 in occasione dei 150 anni dalla nascita del grande esploratore e per i 100 anni dall’esplorazione del Polo Sud da parte di Roald Amundsen. L’Ambasciata di Norvegia, in collaborazione con l’Associazione Circolo Polare di Milano, ha infatti promosso una mostra itinerante con lo scopo di far conoscere la vita di Nansen, grande uomo, esploratore polare, scienziato, mediatore di pace. Nansen divenuto Primo Alto Commissario per i prigionieri di guerra e i rifugiati politici, creatore del Passaporto Nansen e Premio Nobel per la pace nel 1922.

La mostra alla Città della Scienza doveva essere articolata in aree tematiche, fatta da pannelli originali e pannelli multimediali interattivi che avrebbero illustrato il pensiero di Nansen confrontandolo con altri grandi esploratori artici come Amundsen e Nobile.

E’ andato tutto distrutto. I reperti originali provenienti dal museo Fram Museum di Oslo appartenuti a Nansen insieme con materiale del popolo Inuit, foto, libri, il percorso dell’esplorazione, sintesti delle due spedizioni di Amundsen, reperti originali del generale Nobile come la sua tuta di pelle ed i diari della sua avventura polare.

L’ambasciata di Norvegia, contattata da noi telefonicamente nella persona dell’addetta culturale signora Else L’Orange si è detta vicina ai lavoratori della Città della Scienza. L’ambasciata si esprimerà in un comunicato stampa tra 48 ore appena saranno confermate le notizie in merito al rogo che ha coinvolto i padiglioni della struttura. Il comunicato sarà diffuso dopo il confronto con il presidente del CNR, Luigi Nicolais, partner nell’organizzazione delle mostra.

 

Lascia un commento

otto − cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.