Napoli sprofonda nel sottosuolo e inciampa nelle buche stradali. Bagnoli ed Agnano non fanno eccezione.

buche-stradaliNapoli, 20 marzo 2013 – Gli automobilisti che arrivano a Bagnoli da Viale dei Giochi del Mediterraneo e transitano davanti al Parco Romano non possono non aver notato una buca di discrete dimensioni che si è aperta a pochi millimetri dal tombino posizionato a centro strada. E che dire della voragine apertasi in via Agnano Astroni, la via che porta alle Terme di Agnano. Fino a qualche giorno fa transennata, ieri sera senza illuminazione stradale e senza segnalazioni ha messo a repentaglio l’incolumità di tanti automobilisti (noi compresi, ndr).

Problemi di bilancio, tagli senza freni ai limiti della sostenibilità ai servizi sociali e, dulcis in fundo, strade dissestate, che sembrano essere divenute il segno distintivo di tutta una città. Non esistono, infatti, quartieri che non siano interessati da questa piaga ma è necessario porre l’accento con forza quando la buca rischia di far collassare il traffico in strade a notevole scorrimento. Nel caso di Via Girolamo Cerbone, essa rappresenta una delle poche vie di uscita del quartiere, senza contare la presenza di una scuola e di alcune attività commerciali.Inoltre  la situazione è aggravata ulteriormente dalle pessime condizioni del manto stradale, motivo per il quale, i cosiddetti sampietrini, stanno sfaldandosi uno alla volta invadendo la corsia opposta e mettendo a rischio sia automobilisti che passanti.

C’è dunque il dovere di segnalare alla cittadinanza che c’è un dissesto sul quale intervenire, e che c’è un pericolo che va in crescendo, auspicando un’ azione tempestiva da parte degli organi preposti affinché i tempi si accorcino e si possano evitare inutili incidenti.

Lascia un commento

20 − 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.