Zoo-Edenlandia un destino segnato.

EdenlandiaNapoli 21 marzo – La parola fine sulle sorti dello Zoo-Edenlandia sembra ormai destinata ad essere scritta nell’ambito di questa vicenda che va avanti da anni. La società italo-svizzera Clear Leisure ha ribadito la volontà di abbandonare l’investimento che la guida societaria, Alfredo Villa,  giudica “come costruire sulle sabbie mobili”. Nonostante il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, avesse assunto l’impegno di rilevare gli immobili di Edenlandia, già gravati dall’ordine di abbattimento, il colpo definitivo è stata la nota dell’assessore all’Urbanistica, Luigi De Falco, nella quale veniva esposto il piano ideato da Palazzo San Giacomo. Alfredo Villa, dalla Svizzera, risponde confermando che non si può operare in un contesto di incertezza, dopo un investimento in questo progetto, costato 100 mila euro, dispiacendosi per i lavoratori che non ha avuto l’opportunità di incontrare.

I dipendenti della struttura si sono riuniti ieri davanti a palazzo San Giacomo, nella stessa sera sono stati ricevuti dall’assessore al Lavoro Enrico Panini. L’atto scaturito dalla comunicazione del curatore fallimentare, Salvatore Lauria, riguarda il provvedimento fallimentare che di fatto risolve, con licenziamento collettivo, i contratti dei lavoratori. L’avvio di questa procedura ha spinto i sindacati a tentare la carta della mobilità in deroga. Questa mattina l’incontro con l’assessore regionale al lavoro, Severino Nappi, con la speranza di attivare gli ammortizzatori sociali.

Gli animali dello Zoo, nel frattempo, saranno gestiti dal Comune di Napoli ed i Verdi hanno annunciato, per oggi, una mobilitazione.

 

Lascia un commento

venti − venti =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.