L’Ora della terra, 60 minuti d’amore per il pianeta. Oggi alle 20,30.

ora-terra23 marzo – È iniziato il conto alla rovescia per l’Ora della Terra 2013, la più grande mobilitazione organizzata dal WWF.
L’evento mondiale, giunto al settimo anno, ideato contro il cambiamento climatico e finalizzato a sensibilizzare i partecipanti ad uno stile di vita più sostenibile, correrà in ogni latitudine del globo. Durante l’Ora della Terra, infatti, il pianeta, simbolicamente, si spegnerà.
Come indicato sul portale del WWF, L’Ora della Terra, che in Italia avrà inizio dalle 20,30, “lascerà al buio monumenti, luoghi simbolo, sedi istituzionali, uffici, imprese e abitazioni private di tutto il mondo, per coinvolgere tutti i livelli della società nei cambiamenti concreti che possono garantire il futuro della vita sul pianeta e il benessere dell’uomo, contro un cambiamento climatico sempre più devastante”. Grande partecipazione ricca d’iniziative, un tam tam mediatico e via web che sta coinvolgendo migliaia di persone. Se interessati a conoscere i nomi delle città partecipanti i dettagli sono riportati su www.wwf.it
In Italia, il luogo fulcro dell’iniziativa sarà Piazza di Spagna a Roma, città che, come ricorda Fulco Pratesi, fondatore e presidente onorario WWF, “Nel 1968 ha ospitato la prima manifestazione ambientalista della storia italiana, a favore dei parchi”.
Ma tutto il Paese è pronto a partecipare a questo effetto domino.
“Sono più di 230 i Comuni già coinvolti con adesioni che aumentano di ora in ora. A spegnersi saranno i monumenti più famosi d’Italia come l’Arena di Verona, la Mole  Antonelliana a Torino, il Teatro alla Scala di Milano, piazza San Marco a Venezia, piazza del Plebiscito a Napoli, l’Acquario di Genova, i ponti di Calatrava a Reggio Emilia e per la prima volta la basilica di San Francesco ad Assisi e il David di Michelangelo a Firenze (che si spegne insieme a Palazzo Vecchio, Ponte Vecchio, Palazzo Sacrati Strozzi e Duomo, ndr).
Numerosi gli eventi organizzati per celebrare l’Ora della Terra, come il nordic walking a Venezia città simbolo del cambiamento climatico, l’osservazione del cielo in piazza della Signoria a Firenze, l’ascensione in notturna sull’Etna, la biciclettata Fiab a Torino dalla mole alle porte palatine. Al Castello Sforzesco, a Milano, si accendono le candele a ritmo di capoeira, mentre la squadra di rugby di Santa Maria Capua Vetere giocherà una partita al buio con casacche fluorescenti.
Tante le attività anche nelle Oasi Wwf, con l’osservazione delle stelle a Orbetello, l’ascolto dei suoni del bosco a Vanzago oltre alla speciale notte della civetta all’Oasi di Orti-Bottagone”.
Sveglie puntate allora e che dalle 20:30 il buio regni sovrano come simbolo di quanto amore e luce vogliamo ancora per il nostro pianeta.

Lascia un commento

1 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.