Diversamente abili. Concorso Nazionale “Apriti Sesamo” fino al 30 aprile a Palazzo Reale.

MBACFino al 30 Aprile 2013 il  Palazzo Reale di Napoli ospiterà  il concorso Nazionale “Apriti Sesamo”, volto alla ricerca di nuove soluzioni per favorire l’avvicinamento anche delle persone diversamente abili ai luoghi di interesse culturale.  

Napoli, 7 aprile – “Apriti Sesamo” è il concorso nazionale volto alla ricerca di nuove soluzioni per favorire l’avvicinamento, anche delle persone diversamente abili, ai luoghi di interesse culturale, in corso, fino al prossimo 30 aprile presso il Palazzo Reale di Napoli.

L’iniziativa, realizzata dalla Direzione Generale per il Paesaggio, le Belle Arti, l’Architettura e l’Arte Contemporanea, in collaborazione con Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e l’Ente Nazionale Sordi,  è riservata a giovani creativi di età compresa tra i 18 ed i 40 anni, di cittadinanza italiana o residenti in uno dei Paesi dell’Unione Europea.

Le proposte progettuali potranno essere presentate anche da gruppi costituiti da una massimo di cinque persone che abbiano i requisiti richiesti dal bando, o  da enti e organizzazioni senza scopo di lucro. La partecipazione è libera e gratuita, sarà possibile iscriversi entro le ore 12:00 del 30 Aprile.  Il prototipo dovrà essere concretamente realizzabile per costi non superiori ai 20 mila euro. Il candidato, dovrà inoltre presentare una documentazione relativa al progetto, in lingua italiana, in cui sono riportate l’entità e l’incidenza dei costi di manutenzione. Il lavoro sarà poi esaminato da una giuria nazionale e sarà valutato in base ai criteri di  fattibilità, realizzazione e sostenibilità, creatività, replicabilità, qualità estetica e /o funzionale.  

L’obiettivo principale  è promuovere idee innovative per rendere l’arte facilmente comprensibile anche ad un pubblico disabile, mediante la stimolazione di tutti i sensi, nonché  la diffusione nelle nuove generazioni di una cultura volta all’eliminazione delle barriere sensoriali.  I concorrenti, nella realizzazione dei progetti, dovranno attenersi ad una delle due aree tematiche  indicate nel bando: la prima promuove idee improntate  all’uso della tecnologia e della scienza con specifico riferimento allo sviluppo di software innovativi, come prodotti  e piattaforme online in grado di fornire informazioni dettagliate sui vari siti culturali, mentre la seconda pone l’accento sulle espressioni della cultura contemporanea e su nuovi sistemi per permettere, anche ai disabili, la fruizione del patrimonio artistico e culturale.

Rientrano nella categoria guide didattiche, pannelli informativi e  plastici. Il progetto vincitore sarà inoltre premiato con un valore in denaro di  5 mila euro messo a disposizione da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Per ulteriori informazioni circa le modalità di partecipazione al concorso è possibile visitare i siti:  www.beniculturali.it, www.pabaac.beniculturali.it e http://www.sed.beniculturali.it/.

Lascia un commento

4 + diciannove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.