Su NapoliTime nasce la Rubrica della Cucina Napoletana. Gli antipasti de “La Cucina di Partenope”.

Questa è una piccola rubrica della cucina napoletana.

Vi troverete le pietanze di tutti i giorni e quelle più importanti della domenica, come le ricette di derivazione internazionale riviste da me. Utilizzerò raramente l’espressione “tradizione napoletana” poichè rasenta un appesantimento e una certa immoblità della cucina di Partenope che è sempre fresca, con uomini e donne che in cucina rinnovano e rendono sempre viva lo stare insieme a tavola. Troverete ricette del ‘700 e dell’800 che derivano da testi di chef partenopei e delle massaie di casa che hanno sempre meno tempo con menù attuali e leggeri, con una particolare attenzione per i latticini e vini della campania.

Allora buon appetito perchè cucinare per qualcuno è il modo migliore per accoglierelo.

Iniziamo dall’ antipasto che nel tempo si è evoluto, divenendo un vero primo piatto perchè da pochi e sfiziosi stuzzichini si è arrivati ad una ricca varietà di appetitose pietanze patenopee, peraltro molti ristoranti e pub fanno a gara per render gli antipasti variegati abbondanti e gustosi. Quindi ci limiterò solo a suggerire alcuni dei classici stuzzichini, lasciando alla vostra fantasia altre scelte:

Alici crude marinate
Panzarotti
Fritti
Pasta cresciuta
Scagliuzzielli
Zucchine alla scapece
Uova ripiene

PANZAROTTI DI PATATE:
Ingredienti per 6 persone:

patate rosse,kg 1,200 parmigiano,5 cucch
uova 3 più una per indorare pangrattato
farina per infarinare sale e pepe
prezzemolo ,abbondante olio per friggere
burro g 75

acqua q. basta

Sbucciare le patate rosse(sono le più adatte per i panzarotti)lessarle in acqua salata per passarle poi in un passatutto 2 o 3 volte.
Condire con il burro,il parmigiano,pepe e prezzemolo e sale,lavorando il tutto con le mani e acqua aggiungendo uno alla volta tre tuorli(se la pasta risultasse ancora troppo soda aggiungere 1 o 2 albumi).Con le mani unte di olio,fare delle crocchette che passerete prma nella farina,poi in una salsa chiamata anche lega dalla compostezza densa, fatta con acqua e farina e infine nel pangrattato.
Fate inmbiondire i panzarotti friggendoli rapidamente in un pentolino dalle pareti alte e non in padelle con olio extravergine e olio per friggere, in tal modo da risultare più leggeri.

p.s.mentre lavorate l’impasto di patate fate attenzione saggiando se il tutto è abbastanza piccante e potrete aggiungere se piace pure del fiordilatte( che non è molto salato).

UOVA RIPIENE

Abitualmente la ricetta di sempre consiglia di rosolare il fegato con delle cipolle di tropea o dello scalogno troppo pesante per i tempi d’oggi con delle lungaggini che oramai sono lontane da noi,quindi tempi nuovi,tempi moderni ricetta nuova.

UOVA RIPIENE AL SALMONE

Le uova ripiene si possono fare in moltissimi modi diversi, io spesso le faccio con la salsa rosa oppure con il tonno in scatola e il philadelphia, esistono molte varianti diverse e tutte deliziose per dare libero sfogo alla vostra fantasia. Oggi vediamo come realizzare insieme le uova ripiene con il salmone affumicato, un antipasto sfizioso e saporito che va bene anche per iniziare un menù a base di pesce. Rappoddiando le dosi queste uova vanno bene anche come secondo piatto, provatele anche voi, vedrete che vi piaceranno moltissimo!

Ingredienti:

uova: 4
salmone affumicato: 100 gr
philadelphia: 70 gr
limone: mezzo
olio extravergine d’oliva: qb
sale: qb
pepe: qb

Preparazione

Ecco la ricetta.

Mettete le uova in una pentola con l’acqua e fatele bollire per 7 minuti, poi passatele sotto l’acqua fredda, sgusciatele e tagliatele in due. Prendete i tuorli e metteteli in un piattino.

Lavorate i tuorli delle uova con la philadelphia, il sale e il pepe, aggiungete il salmone a pezzetti piccolini e mescolate bene il tutto.
Mettete la crema di tuorli nella siringa da pasticcere(se non l’avete va bene anche con un cucchiaio che fa lo stesso) e farcite gli albumi.

Consigli

Tenete in frigo fino al momento di servire.

N.b. mentre cucinate accompagnate con questa canzone a basso volume oltre con una buona bottiglia di gragnano.

2 thoughts on “Su NapoliTime nasce la Rubrica della Cucina Napoletana. Gli antipasti de “La Cucina di Partenope”.

  1. Mi perdoni,il panzarotto volgarmente chiamato crocchè ;-)..deve avere assolutamente un pezzetto di fior di latte o provola,o’panzarott Addà filà,provare per credere.Grazie per avermi dato voce,saluti.

  2. Mi perdoni,il panzarotto volgarmente chiamato crocchè ;-)..deve avere assolutamente un pezzetto di fior di latte o provola,o’panzarott Addà filà,provare per credere.Grazie per avermi dato voce,saluti.

  3. Ho provato e creduto assaggiando un ottimo crocchè, ma c’è una differenza fra panzarotto e crocchè.Il crocchè di solito ha un cuore solo di patate e pepe e a volte ha un pò di fiordilatte(buonissimo;-)invece il panzarotto ha al suo interno un ripieno di prosciutto e fiordilatte o provola(anch’essa buonissima). E’ stato una grande piacere risponderla e se vuole può inviarmi ricette che ritiene di suo gradimento ,per il resto buon proseguimento di serata!

  4. Ho provato e creduto assaggiando un ottimo crocchè, ma c’è una differenza fra panzarotto e crocchè.Il crocchè di solito ha un cuore solo di patate e pepe e a volte ha un pò di fiordilatte(buonissimo;-)invece il panzarotto ha al suo interno un ripieno di prosciutto e fiordilatte o provola(anch’essa buonissima). E’ stato una grande piacere risponderla e se vuole può inviarmi ricette che ritiene di suo gradimento ,per il resto buon proseguimento di serata!

Lascia un commento

due × cinque =