Primo maggio. Cgil, Cisl e Uil insieme a Bagnoli. E’ festa per chi un lavoro ce l’ha

loghiSarà Città della Scienza la location per il grande concerto del primo maggio a Napoli, organizzato dalla segreteria regionale CGIL, CISL e UIL Campania, che ha come obiettivo “ricostruire presto e bene”.

Sarà Bagnoli a fare da sfondo al palco su cui si esibiranno i numerosi artisti, tra cui Tullio De Piscopo, Le Orme, Raiz degli Almamegretta, Carlo D’Angiò, Ben Khaleb. Lo spettacolo, presentato da Roberto Giacobbo e Rosaria De Cicco, prenderà il via a partire dalle 16,00, rallegrando un giorno di festa con musica e spettacolo fino alle 24,00. 

Convogliare l’attenzione della festa dei lavoratori su Bagnoli e Città della Scienza, come affermano i segretari dei sindacati organizzatori dell’evento, “Non è solo un segnale per Napoli, per il Paese intero, per il mondo della cultura e della scienza internazionale, ma vuole essere anche un forte segnale di attenzione verso tutto il mondo del lavoro ed un richiamo chiaro alla legalità. La ricostruzione potrà diventare l’occasione per finire quello che è stato troppe volte annunciato e mai portato a termine a Bagnoli, stiamo parlando della bonifica e del risanamento di tutta l’ex area industriale dell’Ilva-Italsider“.

A livello nazionale, invece, le Segreterie di CGIL, CISL e UIL, si rivolgono in coro alle istituzioni, in occasione della festa dei lavoratori, con lo slogan “priorità lavoro”. Senza lavoro l’Italia non ha futuro e il nuovo governo non può esimersi dall’affrontare la questione lavoro in modo capillare e concreto. “Non c’è più tempo” è ciò che ormai tutti ripetono, come una cantilena, in questo Paese in cui la politica del non fare sta distruggendo l’intero tessuto trainante della nostra economia, fatto di piccole e medie imprese. I sindacati hanno scelto di celebrare questa festività organizzando un corteo a Perugia per ricordare le due impiegate, Daniela e Margherita, uccise il 6 marzo scorso in nome della crisi economica, da un imprenditore che vantava crediti dalla Regione.

Per il consueto appuntamento con il concerto del primo maggio, a Piazza San Giovanni in Laterano a Roma, organizzato dai sindacati Cgil, Cisl e Uil, la città sarà letteralmente invasa da un flusso di giovani e meno giovani in festa, per trascorrere in compagnia della musica dal vivo, l’unico giorno in cui i lavoratori sono al centro dell’attenzione di tutto il paese, un giorno in cui anche chi il lavoro l’ha perso a causa della crisi, ha la necessità di urlare e cantare a squarcia gola contro la politica complice della crisi economica. “Il primo maggio è la festa dei lavoratori, ma mancano i festeggiati”, ironizza sottilmente la stessa conduttrice dell’evento, Geppy Cucciari.

Ma le polemica non mancano neanche in queste occasioni e tanto ha fatto discutere l’esclusione di Fabri Fibra dal concertone del primo maggio a Roma, voluta dai sindacati confederali organizzatori dell’evento. Fabri Fibra sul suo profilo facebook scrive: “Nemmeno quest’anno sarò su quel palco. Mi sembrava strano. In effetti, l’invito entusiasta da parte di Marco Godano mi aveva sorpreso, era una bella novità. Invece poi non sono gli organizzatori che decidono chi suona in piazza. Nei miei testi forse non tutti ci leggono l’impegno politico o sociale necessario per eventi del genere”.

Gli italiani non rinunciano comunque a trascorrere una giornata all’insegna della spensieratezza, anche in tempi di crisi, ma lo fanno in modo diverso rispetto agli anni passati, riscoprendo il “turismo sostenibile e a chilometro zero con mete da raggiungere in giornata senza spendere troppo”. È quanto afferma la Coldiretti riferendosi alla festività del primo maggio. Secondo il Rapporto Ecotur, infatti, l turismo naturale in parchi e aree protette, è in aumento del 2%, rispetto al 2012, con un record di 101 milioni 799 mila presenze previste.

Il primo maggio sarà per molti anche l’occasione di coniugare cultura e svago, infatti, la Soprintendenza Speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei su disposizione del Ministero per i beni e le attività culturali, ha disposto l’apertura straordinaria per i siti archeologici di Pompei, Ercolano, Oplontis e il Museo di Boscoreale.

 

5 thoughts on “Primo maggio. Cgil, Cisl e Uil insieme a Bagnoli. E’ festa per chi un lavoro ce l’ha

  1. Ottima l’apertura dei siti archeologici. L’archeologia è strettamente legata alla storia e delle vicende e delle comunità presenti sul territorio.

    Naturalmente il primo maggio è sì la festa dei lavoratori che hanno un lavoro ma è anche un momento di confronto e di incontro con coloro che non ce l’hanno oppure lo hanno perso.

    Purtroppo bisogna mettere in conto che il governo che si è formato non ha programmi di sviluppo tali da assicurare i disoccupati e cassaintegrati in generale. A parte sfuggenti richiami degli esodati si pensa alla Expo di Milano che avrà un Commissario di governo e purtroppo per il sud e per le altre aree del paese in in ritardo di sviluppo niente è stato almeno detto da parte di Enrico Letta. Ordinario governo in continuità con quello di Monti.

    1. Niente è stato detto e non crediamo che molto si farà, purtroppo. La continuità del governo Monti è come dice lei nei fatti e sappiamo com’è andata a finire. A pagare un prezzo elevatissimo, le classi deboli, come sempre. Un governo, dove gli opposti almeno a parole, si sono attratti, non ci da alcuna garanzia che i temi che da anni sono stati messi in un cassetto, salteranno ora fuori. Grazie per il commento.

  2. Trovo il paragone tra “Larghe intese” e “Compromesso storico” assolutamente improponibile. Come si può paragonare Berlusconi con Moro ecc.?

Lascia un commento

dodici − 12 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.