CUD pensionati. Dalla Posta Elettronica Certificata alle nuove procedure. Una breve guida per il contribuente

cud-2013Era stato annunciato: a partire dal mese di aprile, l’unica soluzione per ottenere il modello CUD 2013, sarebbe stata solamente una,  scaricarlo tramite internet, attraverso il portale telematico dell’ istituto nazionale INPS. Grazie alla legge n.228 del 24 Dicembre 2012, che attua una serie di provvedimenti utili a dimezzare, e in alcuni casi ad abbattere completamente i costi, l’invio di documenti e comunicazioni utili ai cittadini, avviene solo ed esclusivamente on-line.

Solamente affidandosi ai canali telematici messi a disposizione di tutti gli utenti, i pensionati, oggi, potranno “tranquillamente” scaricare il documento utile che attesta la certificazione unica dei redditi relativa all’anno precedente. Per tutti coloro i quali sono in possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC), il sito dell’Istituto INPS ha messo a disposizione un nuovo indirizzo e-mail (CUD@postacert.inps.gov.it) attraverso il quale si potrà ricevere il modello richiesto. 

Grazie ad un premuroso ed attento lavoro da parte degli organi dell’Istituto, che da anni lavorano a servizio dei pensionati, è stata resa nota una semplicissima guida eseguibile in pochi passi: – Connettersi al sito www.inps.it – Selezionare la voce “Servizi Online” – “Servizi per il cittadino” – Inserire il codice PIN e, successivamente, il codice fiscale – Selezionare “Servizi previdenziali del Cittadino“.

Chi non è ancora in possesso del codice PIN, potrà richiederlo in tre modi: per via telefonica (tramite il numero 803164 rete fissa –  06164164 da cellulare) ; presso una tra le Agenzie presenti sul territorio; sul sito dell’Istituto, selezionando la voce SERVIZI/PIN online.

Nonostante fosse così semplice e alla portata di tutti, ottenere il modello oggi, non è cosa facile. A cause delle copiose richieste che si sono verificate nell’ultima settimana, infatti, il sito rischia di bloccarsi e quasi tutte le sezioni utili alla procedura, appaiono talvolta instabili a causa di un eccessivo affollamento di utenza.  Al fine di venire incontro a coloro i quali non hanno ancora sufficiente padronanza di Internet e pc, sono stati comunque messi a disposizione diversi sportelli degli uffici CAF, Patronati, INPS, Poste Italiane e diversi enti abilitati.

Lascia un commento

nove − sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.