Finger food o piatto unico per la nostra cucina estiva. Tutti a tavola con le melanzane

melanzane-con-pancettaL’estate si avvicina a passi lenti ma inesorabili e, inevitabilmente, fa capolino anche sulle nostre tavole. Come tutti i nutrizionisti consigliano, con l’arrivo della bella stagione è preferibile ricorrere, nella nostra alimentazione, maggiormente alle verdure, più ricche di potassio, acqua e sali minerali, senza però trascurare l’apporto proteico,  necessario al nostro organismo.

Occorre pertanto selezionare ciò che la natura ci offre cercando di conciliare colori e sapori, come accade per questo piatto unico a base di melanzane che può essere proposto a cena, data la  leggerezza dei sapori, o come antipasto nella sua versione finger food.

Iniziamo la preparazione partendo con il tagliare la melanzana per lungo e arrostirla, possibilmente sulla ghisa. Lasciarla raffreddare e condire con olio extravergine d’oliva, sale e qualche spicchio d’aglio. Le melanzane vanno fatte insaporire per circa un’ora poi, su ogni fetta adageremo una fettina di pancetta coppata e arrotoleremo il tutto fino a formare un rotolino che fermeremo con uno stuzzicadenti, ma  solo nel caso in cui scegliamo di servirli come finger food.

Per entrambe le preparazioni, disporre  in un piatto da portata un bel letto di rucola su cui sistemare i rotolini di melanzana ed intorno ad essi disporre dei bocconcini di mozzarella, magari  alternando vaccina  e bufala.

Il sommelier consiglia: un vino bianco evoluto come un Pinot Bianco di Toros, del Collio. La scelta cade su questo Pinot con una forte gradazione alcolica (13 gradi e mezzo) proprio perché accompagni adeguatamente le peculiarità della melanzana e affinché la sua morbidezza mitighi il gusto amarognolo dell’arrostitura.

Valore aggiunto è rappresentato dal fatto che questo vino fermenti parzialmente in barrique  (il nome francese della botte di rovere di circa 225 lt., ndr) e ciò aumenta l’aromaticità del prodotto, il che rende ancora più gustoso il connubio con l’aglio e la pancetta coppata.

Il vino è dotato di una buona freschezza che contrasta bene con la tendenza dolce della mozzarella e servirlo a 12 gradi ci permetterà, data la stagione, di godere appieno di tutti i sapori che abbiamo abbinato.

Buon inizio d’estate e buon appetito.

Lascia un commento

5 − uno =