Zuniga cerca l’Inter, la Juve attenta su Lulic ma spunta il Milan

camilo-zuniga5 giugno 2013 – Il valzer degli allenatori ha dato i suoi frutti, ora l’Inter è ad un passo Zuniga.

L’esterno attualmente in forza al Napoli avrebbe già espresso il desiderio di cambiare aria. Probabilmente anche a causa delle voci dei tifosi che, non è un mistero, non l’hanno mai visto come un perno fondamentale di questo Napoli. Di fatto lo stesso giocatore avrebbe immaginato per sé un importante salto di qualità.

Il colombiano sarebbe stato più volte accostato anche alla Juventus ma la pista sembra scemata ed ora l’unico vero grande estimatore di Zuniga, Walter Mazzarri, vorrebbe portarlo con sé al Napoli. Operazione riuscita al club nerazzurro già a gennaio col passaggio di Campagnaro a costo zero.

De Laurentis ha anche cambiato idea riguardo agli attaccanti. Ora la prima scelta è Mario Gomez del Bayern Monaco. un attaccante di estremo valore che dopo aver vinto tutto in un anno in cui è stato, anche a causa di problemi fisici, rilegato al ruolo di riserva di lusso del croato Mario Mandžukić avrebbe già stabilito di voler cambiare aria. Inutile dire che l’operazione sarebbe subordinata alla cessione di Cavani, mentre l’interesse per l’altro Gomez, tanto per intenderci il catanese soprannominato “el Papu”, sarebbe concreto e arriverebbe in qualsiasi caso. Insomma il club azzurro rischia di ritrovarsi con due Gomez di altissimo livello e risolvere così i problemi legati alla partenza, ormai quasi accertata, di Zuniga ed a quella, un po’ meno probabile, di Cavani.

Bigon dovrà poi sciogliere altre criticità come per esempio il secondo portiere. Benitez, infatti, avrebbe chiesto più garanzie sull’estremo difensore ed il Napoli starebbe pensando a Marchetti della Lazio. Presto De Sanctis potrebbe quindi trovarsi uno scomodo rivale in casa e la cosa potrebbe non renderlo molto felice. Inler ha poi confermato nei giorni scorsi che non seguirà Mazzarri all’Inter ma che Benitez lo intriga e resterà in azzurro.

La Juventus sfumata la pista Zuniga si sarebbe lanciata su un altro pezzo pregiato del mercato degli esterni. Quest’anno Antonio Conte non ha praticamente mai avuto Simone Pepe ed ha lamentato l’assenza di un esterno d’attacco fondamentale nei sui schemi tattici. Ecco perché il club bianconero avrebbe virato bruscamente su Lulic, l’uomo che ha deciso il derby di Coppa Italia con la Roma. Giuseppe Marotta dovrà però confrontarsi con la concorrenza del Milan, pare infatti che Adriano Galiani voglia fare un regalino ad Allegri appena confermato sulla panchina rossonera. Il club di Andrea Agnelli vanterebbe, però, dei rapporti privilegiati con Lotito e con la Lazio con la quale la Juve ha sempre storicamente fatto buoni affari e fresca anche dell’operazione che portò Licthsteiner in bianconero.

Marotta deve poi risolvere il nodo attaccanti: Della Valle, scavalcando il suo ds Pradè, è intervenuto bruscamente nell’affare che potrebbe portare Jovetic alla Juve. Il presidente, da sempre rivale dei campioni d’Italia e animato dalla storica rivalità calcistica tra le due città, l’avrebbe sparata grossa: 30 milioni cash e subito. Cifra che la Juventus non ha nelle proprie casse e che avrebbe voluto spalmare con due contropartite tecniche valide come Marrone e Quagliarella. Della Valle ha detto no secco alla proposta  ma la Juventus è disposta a mettere sul piatto soltanto 22 milioni, la valutazione di Marotta della punta viola.

Carlitos Tevez non conviene alla società torinese, sia per età che per prezzo: 29 anni e 15 milioni di cartellino. Intanto Florentino Perez ha dato ai bianconeri l’ultimatum: “Entro domenica si decide per Higuain” ha dichiarato il numero uno dei blancos, anche se l’argentino sembra attratto dalla Premier League dove l’Arsenal lo chiama con insistenza. Higuain costa 30 milioni, ma Perez ha già ribadito l’amicizia con la Juventus e Marotta cercherà di ottenere uno sconto.

Molto folta la lista in uscita per tentare di racimolare soldi: Quagliarella, Matri, De Ceglie e Marrone sono i partenti certificati, mentre per avere più soldi la Juve potrebbe anche sacrificare uno tra: Vucinic, Giovinco , Licthsteiner, Caceres e Marchisio, proprio per quest’ultimo c’è già un’offerta di 30 milioni del Monaco, ove il nuovo tecnico Ranieri vorrebbe il Principino.

Tutto da rifare per il Milan dell’anno prossimo. “Tra Berlusconi e me – dice Allegri – non c’è nessun problema ma esiste una divergenza di vedute tattiche”. D’altronde Allegri è già stato confermato dal presidente rossonero che, a meno di un clamoroso ripensamento, non si mangerà la parola.

Galiani deve sciogliere i alcuni importanti dilemmi del tecnico toscano che nei primi mesi di campionato potrebbe avere come unica punta centrale in rosa Balotelli. Ormai certa la cessione di Robinho e quella di Niang in prestito il Milan starebbe pensando a Belfodil per dare peso all’attacco, visto che Pazzini s’è infortunato e stara fuori fino a ottobre-novembre. Nell’operazione potrebbe essere sacrificato Zaccardo che tornerebbe a Parma.

Ambrosini potrebbe non rinnovare il contratto con i rossoneri mentre Flaminì sarebbe pronto ad andare all’Inter.

Tutto questo potrebbe essere confermato soltanto a luglio-agosto quando il mercato entrerà nel vivo, per il momento i tifosi sognano e sperano.

Lascia un commento

20 − quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.