Esplosione a Bagnoli. Feriti mamma e figlio. Forse il malfunzionamento di una stufa a gas.

Questa notte a Bagnoli un’esplosione ha rotto il sonno di un intero quartiere. A seguito di una deflagrazione avvenuta in via Diomede Carafa, all’una di notte, si è verificato il crollo delle pareti di un’abitazione. Nell’incidente sono rimasti feriti lievemente una mamma e suo figlio. La protezione civile è stata allertata così come i vigili urbani si sono prontamente recati sul luogo dell’incidente.

A seguito del sopralluogo dei vigili del fuoco, l’ipotesi formulata dai soccorritori, è stata che la causa dell’incidente sia da attribuire al malfunzionamento di una stufa a gas. La donna, prontamente soccorsa, ha riportato ustioni alle mani, con una prognosi di dieci giorni. Il figlio di pochi mesi, ne avrà per cinque giorni.

Il freddo di questi giorni, ci ricorda che ogni anno, a causa di malfunzionamenti ed alla mancanza di controlli sul corretto funzionamento degli impianti di riscaldamento si verificano tragedie facilmente evitabili. Ricordiamoci di spegnere le stufe quando si va dormire oppure quando non è presente un controllo attivo; ricordiamo che il riscaldamento con stufe a legno così come tutti gli impianti a combustione producono monossido di carbonio, un gas letale inodore ed incolore. Il pericolo è sempre presente quando il locale che ospita l’impianto non consente un corretto ricambio d’aria.

Lascia un commento

8 + nove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.