Unione Europea, maggiore flessibilità per i Paesi in regola con i conti pubblici. C’è anche l’Italia

Josè BarrosoNapoli, 3 luglio – Buone notizie dall’Unione Europea. Da qui a poco tempo, i Paesi europei in regola coi conti, godranno di maggiore flessibilità e possibilità di ottenere finanziamenti atti a favorire la crescita economica. Il presidente della Commissione Europea, Josè Barroso, riferendosi a nuove metodologie di approccio per quanto riguarda  conti pubblici e bilanci, ha messo in campo nuove idee per favorire lo sviluppo economico di diversi Stati europei, tra i quali anche l’Italia.

“La Commissione ha esplorato ulteriori modi all’interno del braccio preventivo del Patto di stabilità per realizzare investimenti pubblici non ricorrenti, con un impatto provato sulle finanze pubbliche. Oggi – ha spiegato Barroso – quando la Commissione valuterà i bilanci nazionali per il 2014 e i risultati di bilancio del 2013, considererà di consentire deviazioni temporanee del deficit strutturale dal suo percorso verso l’obiettivo di medio termine fissato delle raccomandazioni specifiche per Paese.”

Riferendosi successivamente a tutto ciò che riguarda finanziamenti, risultati di bilancio e conti pubblici, ha terminato: “La deviazione deve essere collegata a spesa pubblica su progetti co-finanziati dalla Ue nell’ambito della politica strutturale e di coesione, delle reti trans-europee e della “Connecting Europe Facility” con un effetto nel lungo termine positivo, diretto e verificabile sul bilanci”.

Al tavolo degli affari economici si è discusso molto del deficit e sulle eventuali possibilità di ridurlo. La Commissione Europea ha infatti sottolineato che “il deficit non può superare il 3%.” Grazie all’intervento dell’UE, l’Italia, avrà l’opportunità di rimandare l’obiettivo “pareggio di bilancio strutturale” al 2014 – 2015.

Mentre le reazioni del Partito Democratico sono state di grande auspicio per il successo ottenuto dal Governo, si attende la lettera del commissario agli affari europei Olli Rehn che, nelle prossime ore, dovrebbe comunicare ai ministri europei i nuovi metodi per garantire flessibilità sui conti pubblici.

Il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, largamente soddisfatto per il grande passo in avanti dell’Italia, ha così esordito su Twitter: “Ce l’abbiamo fatta! Commissione UE annuncia ora ok a più flessibilità per prossimi bilanci per paesi come Italia con conti in ordine”. Buona parte del Pdl, intanto, aspetta un intervento sulle tasse, dove occorrono necessariamente dei tagli per diminuire le pressioni e favorire i contribuenti.

FOTO: tratta da agi.it

Lascia un commento

5 × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.