Il Forum delle Culture partirà al 50% con una riduzione del budget

napoli-2013-forum-universale-delle-cultureI 30 milioni di euro stanziati per il Forum delle Culture si dimezzano del 50% sul budget iniziale. La Regione Campania, a sorpresa, decide di ridurre a 15 milioni di euro la cifra iniziale destinata al Forum. Cerchiamo di analizzarne il motivo nel dettaglio. In un periodo come questo che vede il nostro Paese occupare una pagina storica di crisi insistente e prolungata, la Regione decide di risparmiare, anche in vista di ulteriori eventi più importanti del Forum. Oppure la cifra destinata a questo evento è risultata eccessiva. Ciò che più ci preme capire è se questo “sorprendente” Forum verrà penalizzato e se sarà carente dal punto di vista dello sviluppo che ci si attende di ritorno.

“Investiremo una cifra consistente di fondi europei” – afferma l’assessore regionale alla Promozione culturale Caterina Miraglia – “puntando su un programma di assoluta qualità che saprà guardare alle esigenze del territorio oltre che valorizzare i siti Unesco della città e di tutta la Regione Campania“. Quindi si evince che l’assessore Miraglia è sicura che la manifestazione non ne risentirà dal lato qualitativo delle iniziative in programma. Inoltre, trovandoci di fronte a tempi ridotti non è concesso alcuno stop alle operazioni organizzative. Presto il programma dovrà essere vagliato dal Cda della Fondazione che ha il compito di valutare la consistenza economico-finanziaria del Forum.

Penalizzato dal taglio risulterà anche il prossimo evento – il World Urban – in calendario il 7 settembre 2012. La Regione ha già stanziato, per questo evento, 1,2 milioni di euro e ridotto del 50%  i tre giorni più famosi in calendario per quest’anno riguardante l’apertura del Forum. Anche quì l’assessore riprende: ” L’apertura e la chiusura si faranno a Castel dell’ Ovo e la gestione del W.U.F. sarà assolta dalla Regione Campania che investirà l’intera quota economica pari ad 1 milione e 200 mila euro a fronte dei 2 milioni della vecchia programmazione. Di questi, 150 mila saranno dedicati ad un bando per i giovani per proporre progetti per lo sviluppo sostenibile, con l’obiettivo di sensibilizzare le nuove generazioni sul tema al centro del Forum“.

La Miraglia conclude lasciando a noi cittadini un’ulteriore speranza: al Forum, finalmente si parla di coinvolgere i giovani, inoltre sembra che non si voglia lasciare nessuno spazio agli sprechi economici. Stavolta ci attendiamo che non sia solo una semplice utopia. Perchè di vecchia demagogia ne abbiamo già abbastanza.

Lascia un commento