Distributori “taroccati” e gasolio allungato con acqua, denunciati 11 benzinai

pompa benzinaNapoli, 13 agosto – Acqua nei distributori di gasolio ed erogazione inferiore dell’8-10% rispetto a quanto mostrato dal display della pompa. E’ quanto emerso dai controlli della guardia di finanza da inizio mese in più di mille distributori di benzina, tra i quali ben 174 presentano irregolarità.

Undici gestori sono stati denunciati alle Procure della Repubblica per frode in commercio o uso di attrezzatura non adeguata o alterata. Oltre 60 gestori sono stati invece sanzionati per irregolarità amministrative tra cui la violazione della disciplina sui prezzi esposti alterati rispetto all’erogazione delle colonnine dopo il rifornimento. Più di 50 pistole erogatrici sequestrate oltre che rimozione dei sigilli che assicurano il corretto funzionamento dell’impianto.

Numeri impressionanti che hanno creato non pochi problemi agli automobilisti italiani. In provincia di Napoli, più precisamente a Casalnuovo, dopo che diversi automobilisti si sono ritrovati con l’auto completamente in avaria, la GdF ha effettuato controlli a tappeto in tutti i distributori della zona individuando attraverso accurate analisi chimiche il colpevole. Dalle analisi è emerso la presenza di oltre il 15% di acqua, dato ovviamente non conforme alle regole vigenti e che rende impossibile l’autotrazione. Il gestore è stato denunciato e l’impianto sequestrato.

Ancora in provincia di Napoli è stato rilevato un altro illecito, riguardante schede elettroniche dei conta-litri alterate, che hanno dato modo al gestore di vendere circa 1.200.000 litri di benzina non dichiarando le relative imposte che sono state trattenute irregolarmente.

Lascia un commento