Notte di meraviglie a Las Vegas

las vegasUSA istruzioni per l’USO

Pensare a Las Vegas fa subito immaginare ai film americani e le notti folli ai casinò, tra mille luci e grattacieli lussuosissimi. Non ci si sbaglia. La finzione in questa città supera ogni aspettativa e raggiunge l’illusionismo, con riproduzioni quasi a grandezza naturale delle più belle piazze delle città europee come Parigi, Venezia, e Roma, o di posti da cartolina come New York o l’Egitto, in giganteschi e fastosi alberghi-casinò a tema che si stagliano lungo tutta la Strip (“striscia”) situata sulla Las Vegas Boulevard.

Passare una serata qui è come entrare in un parco divertimenti, la città non dorme mai e dopo che l’ombra rossa del tramonto lascia spazio al blu della notte, la via principale diventa un’esplosione di colori e illuminazioni strabilianti. Le montagne russe dell’hotel New York, New York vanno ininterrottamente, mentre un fascio di luce si sposta nel cielo tra il falso Empire State Building e la Statua della Libertà. Un treno sospeso porta i turisti e gli ospiti degli alberghi dal gigantesco castello delle favole dell’hotel Excalibur alla piramide di specchi neri del Luxor, al cui interno si trovano giganteschi faraoni in pietra, sfingi d’oro e fontane.

Non ci si può stancare di camminare lungo la Strip, con la testa sempre rivolta verso l’alto e attratti di volta in volta da un’insegna o un’altra. Si rimane ammaliati dalla Tour Eiffel del Paris, con all’interno le vie e i locali come nella città di Parigi, sotto un bellissimo cielo azzurro al tramonto, o dalla torre di Piazza San Marco, con un’affascinante riproduzione dei canali veneziani, attraversati dalla gondole con tanto di Ponte di Rialto. All’interno del Venetian, negozi di alta moda italiana, ristoranti e locali affollati che si affacciano su un vero Canal Grande mentre il cielo cambia colore e dal tramonto si passa all’alba.

Lascia esterrefatti l’immensità del Caesars Palace, con all’interno vie pavimentate dello stile di Via Condotti a Roma, alcune che si aprono in atri come piazze con al centro fontane riccamente decorate con statue romane di pietra, circondate da riproduzioni di palazzi che ospitano le più famose boutique di lusso o ristoranti di cucina raffinata delle diverse parti del mondo.

E’ difficile credere che tutto quello che solitamente si vede all’aperto possa essere racchiuso in un albergo, eppure le ore passano e le persone continuano a meravigliarsi, spostandosi da una struttura all’altra. Gli altri hotel più famosi sono l’orientaleggiante Mandarin, il lussuoso Bellagio, che attira fiumi di persone con i suoi giochi di acqua e luce nel parco all’ingresso, e il MGM Grand Hotel immenso palazzo di vetro scuro, con l’enorme statua d’oro del leone della casa cinematografica Metro Goldwyn Mayer su un lato.

Non è difficile trovare dove mangiare o dove accaparrarsi qualche souvenir, lungo la strada, ma anche dentro gli hotel, stipati di fastfood, ristoranti, grill e pizzerie, alcuni costosi altri più abbordabili, e di negozi. Si va a dormire storditi dalla confusione, ma con ancora lo stupore negli occhi, pronti per raggiungere il vicino Grand Canyon.

Lascia un commento