Turismo. Tempo di bilanci per la stagione appena conclusa: i viaggiatori stranieri superano quelli italiani

Napoli-piazza-plebiscitoNapoli, 14 settembre – I dati sull’affluenza in Campania riportano un aumento del 5% nel settore extra alberghiero. L’occupazione delle mete più note si colloca al 92%, ma il dato più eclatante, che si allinea con quanto riscontrato in tutto il Paese, consiste nel sorpasso, per la prima volta, dei viaggiatori stranieri rispetto agli italiani.

In Campania il turismo domestico resta indietro con il 43% di presenze contro il 57% realizzato del turismo incoming, in Italia, come riporta Federalberghi, “la componente estera su quella italiana, si attesta, da gennaio ad agosto, rispettivamente al 50,3% per gli stranieri ed al 49,7% per gli italiani. “Un risultato storico – sottolinea Bernabò Bocca, il presidente di Federalberghi – sul quale non potrà non aprirsi un dibattito, segno inconfutabile di come il nostro sistema ricettivo e il Bel Paese nel suo insieme mantengano una forte capacità di attrarre la clientela internazionale”.

Secondo Pasquale Sommese, assessore regionale al Turismo, “‘Dai dati in nostro possesso viene fuori un bilancio che vede la Campania invertire la rotta, da un dato negativo delle passate stagioni ad uno positivo, ma che soprattutto per la prima volta vede il turismo internazionale prevalere su quello nazionale. Questo cambiamento ci impone di dare risposte ad una serie di problemi, cominciando dal consolidamento dell’offerta di servizi di qualità, di una mobilità efficiente e di adeguate politiche di sicurezza per i turisti, per poter assicurare una maggiore competitività al settore sia sul mercato interno che su quello internazionale”.

Obiettivo dell’assessorato, “Creare modelli di governance con sinergie tra i vari livelli istituzionali, utili a valorizzare la programmazione di ampio respiro messa in campo in queste settimane con i progetti di valorizzazione dei grandi eventi a supporto delle bellezze e delle ricchezze culturali esistenti. Andiamo avanti su questa strada per valorizzare al massimo questo grande patrimonio, il nostro petrolio pulito”.

Lascia un commento

2 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.