C’è vita su Marte? La risposta del robot Curiosity

curiosityC’è vita su Marte? Si chiedeva un giovane David Bowie in una sua canzone del lontano 1973. La risposta arriva oggi, dopo esattamente 40 anni, grazie a Curiosity, rover della Nasa in missione sul pianeta rosso dall’agosto dello scorso anno, che attraverso delle accurate analisi ha fino ad ora constatato che la presenza di metano, molecola fondamentale per la vita, è inferiore di ben sei volte rispetto a quanto si era ipotizzato, dato che rende impossibile di fatto la presenza di attività biologiche sul pianeta.

Grande delusione per gli amanti dello spazio e per gli addetti al settore, che si ritengono comunque soddisfatti per l’ottimo lavoro che il rover sta compiendo, con scoperte sempre nuove ed importanti per lo sviluppo delle ricerche. Intanto, Micheal Mayer, capo degli scienziati Nasa per l’esplorazione e le ricerche su Marte, lascia qualche speranza ancora viva, facendo notare che seppur la presenza di metano è effettivamente bassa, anche sulla Terra esistono dei microrganismi che non producono metano.

La domanda quindi persiste: C’è vita su Marte? in attesa di nuovi sviluppi rimandiamo l’ardua sentenza ai posteri. Guardando con un po’ più di curiosità il cielo sopra di noi e aspettando impazienti nuove risposte.

Lascia un commento

due × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.