Varata la Legge di Stabilità, cosa prevede in sintesi. Soddisfazione dei ministri

portafogli soldiRoma, 15 ottobre Rispettando la scadenza del 15 ottobre è stata varata la legge di stabilità. Il consiglio dei ministri si è riservato la possibilità di apportare qualche modifica a questa. Letta ha riassunto in 4 obiettivi la legge di stabilità: calo del debito pubblico; calo di 2.5% del deficit-p.i.l.; calo della spesa primaria ed infine, tagli fiscali a imprese, famiglie e lavoratori dipendenti.

Il premier ha interrotto il consiglio e, con tono soddisfatto, ha precisato che non ci saranno tagli alla sanità come si temeva secondo la bozza precedente. Entro l’anno,  però, si approverà il patto per la salute mirato a ridurre i reali sprechi della sanità. Una manovra a lungo termine che durerà 3 anni e servirà a ridurre la pressione fiscale per circa 10-12 miliardi di euro solo nel 2014. In totale un intervento che riguarderà circa 28 miliardi di euro nei prossimi 3 anni.

Letta ha quindi dichiarato che tale manovra non intaccherà le tasche degli italiani. ”Per la prima volta, dichiara, abbiamo fatto quadrare i conti senza aumentare le tasse”. Addirittura nel giro di un anno queste caleranno di un punto. Per le imprese ci sarà un taglio notevole a vantaggio sia delle imprese stesse che dei lavoratori. Per la precisione saranno messi a disposizione 5,6 miliardi di euro per le imprese e 5 per i lavoratori in 3 anni per ridurre il cuneo fiscale.

Ci sarà un aumento in busta paga anche se non si sa con precisione quanto sia sostanzioso questo aumento. Le imprese saranno anche incentivate con bonus e detrazioni fiscali se passeranno i contratti dei propri lavoratori da tempo determinato ad indeterminato.e sia per nuove assunzioni. Perfino l’Imu è stata abolita sulla prima casa. Ed è stata rinviato l’aumento dell’aliquota dell’Iva al 22%.

L’Imu sarà sostituita da una Service Tax che riguarderà tutti i cittadini e non solo i proprietari di immobili. Stiamo parlando della Trise, un’unica tassa che si divide in 2 componenti: la Tari, la vecchia Tarsu che era l’imposta sui rifiuti solidi ma con l’aggiunta di un aumento per lo smaltimento dei rifiuti sarà, probabilmente, calcolata sui metri quadri dell’abitazione e solo se abitata. L’altra, la Tasi, che servirà a finanziare i servizi comunali quali illuminazione e manutenzione strade e sarà pagata in quattro rate trimestrali.

Capitolo pensioni: contributo di solidarietà per le pensioni d’oro. Per queste che superano i 100 milioni lordi l’anno ci sarà un contributo del 5 per cento che salirà al 10 – 15 per cento per le pensioni che vanno dai 150 ai 200 mila euro lordi l’anno.

Ce n’è anche per il tema di spettacolo e cultura, a questo settore saranno destinati 25 milioni servirà a far respirare un po’ questo settore al quale nelle manovre precedenti si era tagliato molto. E’ stato ridotto da 2 a 1 i giorni in cui si voterà manovra che farà risparmiare circa 100 milioni di euro. Si rifinanzierà il fondo per le politiche sociali e il 5 per mille.

Soddisfatti i ministri. Alfano ritiene positiva la manovra dal momento che sia imprese che cittadini pagheranno meno tasse. Anche il ministro Saccomanni si ritiene soddisfatto ed ottimista. Secondo il ministro la manovra servirà ad un’ importante ripresa per l’Italia.

One thought on “Varata la Legge di Stabilità, cosa prevede in sintesi. Soddisfazione dei ministri

  1. Pur affrontando un tema complesso ,l’articolo risulta scorrevole ,di facile lettura e sopratutto di facile comprensione , complimenti all’autrice.Gabriella bonelli

Lascia un commento

10 + 15 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.