Assalto all’hotel Mediterraneo, gesto inaccettabile. A Naldi (Federalberghi) la solidarietà del Comune

Renaissance Naples Hotel Mediterraneo-2Napoli, 23 ottobre – “L’episodio denunciato dal presidente di Federalberghi, Salvatore Naldi, colpisce non solo perché Napoli sta puntando con forza sul turismo, ma soprattutto perché i fatti raccontati dal proprietario dell’Hotel Mediterraneo, che hanno coinvolto soprattutto ospiti della Città, sono assolutamente inaccettabili”.

Questo il commento di Enrico Panini, assessore allo sviluppo, diffuso attraverso un comunicato stampa dal Comune del capoluogo partenopeo in merito alla denuncia di Salvatore Naldi, proprietario dell’Hotel Mediterraneo e presidente di Federalberghi.

“Siamo abbandonati nelle mani dei delinquenti”. Quanto affermato da Naldi in seguito agli atti vandalici perpetrati da una baby-gang alla struttura Renaissance Naples Hotel Mediterraneo, di sua proprietà.
Una denuncia accorata che va oltre il singolo, anche se ennesimo, episodio di violenza nel cuore della città e che intende mettere in evidenza l’assenza delle Istituzioni e la mancata assistenza delle forze dell’ordine “Sollecitate più volte – afferma Naldi – e mai intervenute nonostante le numerose richieste. Un’assenza ingiustificata che ha lasciato in tutti il senso dell’abbandono”.

Il fatto risale alle notte tra sabato 19 e domenica 20 ottobre quando, come riferito dallo stesso Naldi e riportato da un quotidiano locale, “Un gruppo di ragazzi ha cominciato ad infastidire i clienti dell’hotel. Piano piano la situazione è degenerata, sono iniziati a volare sputi e pietre verso le vetrate. Calci nelle saracinesche. Il facchino è stato quasi aggredito, mentre cercava di allontanarli. Anche i clienti sono stati presi d’assalto, mentre uscivano dai taxi. Le porte imbrattate con pennarelli”.

Proteggere i turisti è un dovere, sottolinea Naldi, mancare questo impegno significa restare sempre più indietro rispetto ad altre città italiane. “Se quel senso di insicurezza che già riguarda la città di Napoli, arriva oltre le porte dell’albergo, i turisti non potranno far altro che fuggire”, conclude il presidente di Federalberghi.

Dal comando dei Carabinieri le risposte non sono tardate, il comando provinciale ha informato dettagliando che le richieste d’intervento dall’albergo sono state due: alle 00,17 ed alle 00, 22. Alle ore 00,30 unagazzella è arrivata all’hotel Renaissance ed è rimasta in sosta di fronte all’albergo per circa venti minuti, con i lampeggianti accesi. L’auto ha poi ripreso il normale servizio di pattuglia di tutta la zona.

Il Comune di Napoli, solidale verso Naldi, conferma che il grido di allarme lanciato dal presidente di Federalberghi, relativamente alla mancata sicurezza dei turisti non cadrà nel vuoto, “Continueremo a fare la nostra parte – risponde Panini – ascoltando le istanze che ci giungono dagli esperti del settore turistico ed offrendo ogni possibile nostro contributo per affrontare le delicate problematiche sollevate dal presidente di Federalberghi”.

Lascia un commento

diciannove + 14 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.