Doppio rigore di Higuain, il Napoli c’è ma la Roma è sempre a +5

napoli-livorno27 ottobre –  Record assoluto della Roma che eguaglia la Juventus di Capello del 2005: 9 vittorie consecutive dall’inizio del campionato, mai nessuna squadra giallorossa è stata così. Partita strana dei capitolini in trasferta ad Udine contro Di Natale e compagni. Roma che non riesce a sbloccare il risultato per più di un tempo, anzi rischia di capitolare quando Muriel a porta vuota prende il palo esterno e Castan salva sulla linea un gol fatto. Non basta ancora perché la Roma resta in 10 a causa dell’espulsione di Maicon, ma alla fine confeziona lo 0-1 grazie ad un’imbucata di Bradley, l’americano dai piedi buoni, che raccoglie l’assist di Strootman e proietta questo gruppo giallorosso nella storia.

Il Napoli insegue a -5 la capolista beffando il Torino con due errori dell’arbitro. Mertens entra in area palla al piedi e cerca il contatto con il difensore granata, per l’arbitro è rigore. Dagli undici metri Higuain libera un siluro perfetto sotto la traversa e porta in vantaggio i partenopei. Il raddoppio sempre nel primo tempo dopo un’azione confusa un tiro di Albiol viene respinto dal gomito di un difensore, l’arbitro fischia il secondo penalty per gli azzurri tra le giustificate proteste torinesi; difatti il braccio del difensore non solo era quasi aderente al corpo ma il tiro era da distanza ravvicinata quindi impossibile stabilire la volontarietà. Dal dischetto ancora Higuain spiazza Padelli e realizza la sua personale doppietta. Gara in discesa del Napoli che sfiora ancora il terzo gol prima con Higuain e poi con Insigne che si divora un gol dopo aver saltato Padelli in uscita goffa.

Anche la Juventus risponde sul campo alle critiche dopo le due sconfitte consecutive tra campionato e Champions, cosa mai successa nella gestione Conte.  I bianconeri in vantaggio con un rigore trasformato da Vidal. In questo caso il fallo, ai danni di Asamoah, è netto ma il fallo avviene in prossimità della linea, come dimostrato dalla moviola, appena un passettino fuori dall’area. Il raddoppio arriva sempre nel primo tempo con Tevez che fa tutto da solo e di sinistro buca Perin, il migliore in campo dei suoi.

La Fiorentina continua a vincere e sempre in rimonta. I viola passano in svantaggio contro il Chievo, a bucare Neto ci pensa Cesar, ma la doppietta di Cuadrado salva tutti e regala i tre punti alla viola.

Clamoroso Milan che perde 3-2 in casa del Parma. Emiliani in vantaggio con i gol di Parolo e Cassano, chiudono il primo tempo in vantaggio. Il diavolo risorge nel secondo tempo e realizza con Matri e Silvestre i gol del momentaneo pareggio. Non è finita però perché all’ultimo secondo Parolo fa esplodere il Tardini siglando il gol del 3-2 che manda in crisi nera il Milan.

Pari senza gol tra Catania e Sassuolo mentre il Bologna vince sul Livorno grazie ad un gol di Crespo. Negli anticipi di ieri la goleada dell’Inter aveva chiuso la partita contro il Verona 4-2, mentre una rete di Mustafi aveva permesso alla Sampdoria di battere l’Atalanta. Nell’ultimo posticipo della giornata grande carattere della Lazio che batte il Cagliari 2-0, i gol di Klose e Candreva mandano in estasi i biancocelesti che ritrovano la vittoria.

Lascia un commento

due + tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.