Turismo, alla fiera di Londra la Regione lancia “Viaggio in Campania

piazza-plebiscito

Lo scorso 7 novembre si è conclusa la fiera internazionale del Turismo di Londra, World Travel Market, manifestazione a cui la Regione Campania ha partecipato con oltre cinquanta operatori. Successo di pubblico ed alto interesse per la varietà delle offerte turistiche presentate durante l’evento: Turismo balneare, termale, religioso passando per il quello culturale alla scoperta del patrimonio artistico ed archeologico sono stati una forte attrazione. Ma la Campania è arrivata in fiera consapevole del suo buon livello di gradimento sui mercati stranieri.

Secondo i dati relativi al primo semestre 2013, diffusi da ENIT (Agenzia Italiana Turismo) infatti, la crescita parte proprio dalla Campania e “per la prima volta, i turisti stranieri hanno superato gli italiani nella scelta delle località regionali, con una percentuale del 57% contro il 43%”. “Un bilancio positivo che vede la Campania invertire decisamente la rotta rispetto alle passate stagioni, con il turismo internazionale che per la prima volta prevale su quello nazionale – commenta Pasquale Sommese, assessore al Turismo e ai Beni culturali, attraverso il comunicato stampa della Regione – Un trend positivo di visitatori che, oltre alle principali mete turistiche, sta riguardando anche i principali siti archeologici e culturali campani e che, come confermato peraltro dai recentissimi dati forniti dal Mibac (Ministero Beni e attività culturali), registrano tutti un segno positivo, con addirittura Museo di Capodimonte, Museo di San Martino, Villa Pignatelli e Castel Sant’Elmo in possesso di percentuali record di visite rispetto ai dati 2012, incrementi ottenuti grazie anche a flussi turistici russi e cinesi”.

La Regione sta lavorando proprio sull’accoglienza, “Vogliamo mettere al servizio dei territori una serie di attività di promozione […] studiate per arricchire il soggiorno dei visitatori – riferisce Sommese – un lavoro svolto con i territori, gli operatori, gli addetti ai lavori, utile a sottolineare quanto Turismo e Beni Culturali, siano strategici per noi. Quelli che intendiamo attivare non sono interventi spot, ma iniziative strutturali mirate a creare un sistema efficiente in tutti gli aspetti dell’incoming, a cominciare dai trasporti, con l’incremento di voli e l’ampliamento delle tratte per favorire un flusso nazionale ed internazionale, ma anche con un sistema di mobilità interna per rendere fruibili la costa, le località collinari e montane. Infine un’attenzione particolare sarà riservata alla sicurezza, all’accoglienza, ed agli information point, servizi che fanno di un luogo bello anche una meta ricercata e preferita”.

Durante la manifestazione londinese, l’assessorato ai Beni Culturali e Turismo della Regione Campania ha presentato “Viaggio in Campania. Sulle orme del Grand Tour“, nove itinerari da aprile a dicembre 2014, progetto in collaborazione con Campania>Artecard realizzato dalla Scabec, Società regionale beni. “Stiamo realizzando la più importante operazione di promozione del nostro patrimonio culturale, degli ultimi anni in tempi utili per una promozione internazionale”, ha affermato Sommese. Obiettivo della Regione riscattare un territorio troppo spesso martoriato di cui ultimamente si sta molto parlando per le ferite ai danni dell’ambiente. “Vogliamo che il 2014 sia l’anno della Campania”, ha commentato l’assessore.

I percorsi, “Fruibili con trasporti pubblici integrati o dedicati via mare e via terra, sono: Il sogno di Napoli, Campi flegrei: mito, storia e natura, Passeggiate Vesuviane, Un viaggio tra profumi e colori della Penisola Sorrentina, Capri e Ischia, le isole del Grand Tour, Lungo il Miglio d’Oro, I percorsi della via Appia, La costa di Amalfi e le vie del Cilento, I fasti dei Borbone e le Regge a cui, da giugno a settembre si aggiungerà la nuova edizione notturna di Herculaneum, Storie Sepolte, arricchita dalle performance sul Vesuvio. “Con Campania>Artecard, in sinergia con gli enti locali e le realtà più significative delle varie aree interessate creeremo una rete di collegamenti tra la costa e le zone interne della regione – spiega Sommese – in modo da valorizzare anche siti e musei di pregio, non interessati normalmente dai grandi flussi turistici. Sarà infatti anche l’occasione per promuovere le nostre eccellenze enogastronomiche e i nostri paesaggi”.

One thought on “Turismo, alla fiera di Londra la Regione lancia “Viaggio in Campania

Lascia un commento

otto − uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.