CGIL, CISL e UIL protestano contro la Legge di Stabilità: è sciopero nazionale

scioperoNapoli, 15 novembre – Si conclude oggi l’ondata di sciopero che ha riguardato tutte le regioni di Italia iniziato l’11 novembre scorso. Tocca alla Campania, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e ci saranno cortei a Torino, Venezia e Avellino.

Dall’11 al 15 novembre le sigle unitarie dei sindacati (Cisl, Uil e Cgil) hanno indetto 4 ore di sciopero su territorio nazionale per protestare e cambiare alcuni contenuti della nuova legge di stabilità varata dal governo Letta.

In campo sono scese tutte le categorie di lavoratori. L’evento creerà molti disagi soprattutto per i trasporti pubblici. A Napoli ANM aderisce bloccando i trasporti: l’ultima corsa sarà alle 8,30 ed il transito riprenderà alle 13,30 . Per quanto riguarda la metropolitana Linea 1 contattando il numero verde 800 56 88 66 oppure 800639525 è possibile conoscere gli orari delle corse.

Solo a Milano, con non poche critiche da parte delle sigle sindacali, è stato revocato lo sciopero causa la partita della nazionale Italia – Germania, per evitare di creare ulteriori disagi a tifosi sia azzurri che tedeschi che verranno ad assistere all’incontro.

Obiettivo della mobilitazione è quello di ridurre le tasse per lavoratori e pensionati, stabilizzazione dei precari nella Pubblica Amministrazione con il rinnovo del CCNL (contratto collettivo nazionale del lavoro), una più efficace lotta alla corruzione e all’evasione fiscale, tagli alla spesa pubblica ed ai costi della politica.

A Napoli, in Piazza Trieste e Trento si terrà una manifestazione a conclusione dello sciopero.

Lascia un commento