Comune di Napoli: i consiglieri Pd votano la sfiducia a Sodano “per disciplina di partito”. Respinta la mozione al vicesindaco

sodano de magistrisNapoli, 16 novembre – Con ventisei no, diciassette sì e due astenuti, ieri pomeriggio, si è conclusa la votazione per la mozione di sfiducia nei confronti di Tommaso Sodano, vicesindaco di Napoli ed assessore all’ambiente con delega ai rifiuti. La mozione, promossa da tre consiglieri di Ricostruzione Democratica che accusavano il vicesindaco di avere fallito sulle problematiche ambientali e sulla gestione dei rifiuti, viene respinta con una maggioranza consistente, sebbene la questione abbia palesato l’esistenza di un fronte corposo contrario alla Giunta De Magistris.

Il dibattito, aperto dal consigliere Sgambati (Napoli è Tua), ha vissuto momenti di confronto vivaci. Andrea Santoro, consigliere di FLI, dichiarandosi favorevole alla mozione, ha annunciato la promozione di una raccolta di firme per l’approvazione di una mozione di sfiducia al primo cittadino, auspicando l’adesione di Gianni Lettieri (Liberi per il Sud) che, dal canto suo, aveva già chiarito che la mozione non era solo contro Sodano ma contro l’intera maggioranza ed il sindaco stesso. Gennaro Esposito e Simona Molisso (Ricostruzione Democratica) hanno marcato l’assenza di dialogo sulle grandi decisioni prese dell’amministrazione ad onta di quanto detto in campagna elettorale e, quindi, dichiarato il loro voto favorevole.

Ma è il PD la vera rivelazione di questa seduta consiliare. Dopo le indecisioni dei giorni scorsi, l’ex capogruppo Ciro Fiola ha chiarito la posizione dei piddini: ricordando il contributo degli ultimi anni dato dal PD all’azione programmatica, ha annunciato che, per disciplina di partito, i consiglieri del Partito Democratico avrebbero votato a favore della mozione, come indicato dal neo segretario provinciale Venanzio Carpentieri in un comunicato pubblicato su NapoliTime (vai all’articolo). Antonio Borriello (PD) ha dal canto suo ribadito il voto favorevole sulla mozione dovuto al giudizio negativo sull’esperienza amministrativa arancione.

E’ finalmente trasparente la composizione del fronte d’opposizione alla Giunta De Magistris, che vede schierati compatti centrodestra e centrosinistra. Per Carpentieri questo è “un tassello nel progetto di alternativa a de Magistris”. Il sindaco, pur potendosi ritenere soddisfatto della votazione, si è detto però dispiaciuto, in quanto, nonostante tutto “Non è stata una bella pagina politica. Non mi piace un consiglio astioso e rancoroso. I napoletani vogliono si discuta dei problemi della città e non di questioni personali che fanno solo perdere tempo a chi lavora per la città”.

Lascia un commento