Le aziende campane provano a fare impresa in Cina alla ricerca di nuovi mercati

mercato cineseE’ del 20 novembre il workshop organizzato al Centro Direzionale di Napoli dall’Assessorato alle attività produttive, riguardante lo sviluppo delle attività di impresa in aerea internazionale.

Al centro dell’attenzione sono in particolare i rapporti Campania-Cina, paese dal mercato in perenne espansione, terreno fertile per l’esportazione del Made in Italy e in particolare delle eccellenze campane, dall’artigianato alla moda, dalla tecnologia alla cantieristica navale, all’immancabili prodotti tipici alimentari.

Non si tratta solo di approfondire il tema della cooperazione nell’industria internazionale, ma soprattutto di fornire alle aziende campane gli strumenti per sviluppare la loro competitività all’estero, in questo caso sul mercato asiatico ancora poco battuto. All’evento organizzato a Napoli dall’Assessorato, infatti, era previsto un apposito Desk Regionale Attrazione Investimenti per far conoscere le varie opportunità che offre un apertura ai nuovi mercati.

Inoltre, all’interno dell’evento “The Enn Days: Innovazione, Competitività, Ricerca nuovi mercati” che impegnerà la regione Camapania dal 25 al 30 novembre, dedicato a startup, imprese e innovatori, il 28 novembre presso il  Centro Ricerche Enea di Portici si discuterà sul tema Investire in Cina: proprietà intellettuale e buone pratiche. Il progetto è nato dalla collaborazione con IPR CHINA HELPDESK avendo sempre come protagonista i rapporti tecnico-commerciali tra Italia e Cina.

Nonostante il periodo di immobilità si respira aria di cambiamento, o perlomeno di speranza in tal senso. E i passi più importanti si stanno compiendo partendo dalla fruizione delle informazioni, sui mezzi e i modi di investimento, per consentire una riflessione più ad ampio raggio delle possibilità di crescita dell’economia italiana, a partire da quella delle singole regioni.

Lascia un commento