Berlusconi non siede più in Parlamento, questa la decisione del Senato. Si chiude una stagione politica

silvio_berlusconiRoma, 27 novembre – Berlusconi non è più senatore. Questa la decisione del Senato, che alle 17.43 di oggi ha respinto i 9 ordini del giorno presentati in contrasto alla relazione della Giunta per le elezioni, relazione che prevedeva la decadenza del Cavaliere dalla carica di senatore in applicazione della legge Severino.

Le forze che si sono espresse a favore degli ordini del giorno sono state Forza Italia, Nuovo Centrodestra e Lega. Quelle contrarie Pd, Movimento 5 Stelle e Sel. La votazione ha sancito la spaccatura definitiva di Scelta Civica, incapace di prendere una posizione unitaria.

Vani sono stati i tentativi di Forza Italia, che nella mattinata insisteva sullo slittamento della votazione e sull’ applicazione del voto segreto. In merito a quest’ ultima obiezione il presidente Grasso ha risposto: ” La Giunta per il regolamento del Senato il 30 ottobre ha stabilito che per casi di non convalida dell’ elezione il voto fosse palese perché a tutela della composizione del plenum e non sulla persona. Non ci sono novità per riaprire ora il dibattito “.

Un giorno memorabile per la politica italiana. Dopo vent’ anni di attività politica e parlamentare ininterrotta Berlusconi perde lo status di senatore, uscendo così definitivamente dalle vicende parlamentari italiane.

Ma sembra che Berlusconi non abbia nessuna intenzione di uscire di scena dalla vita politica del nostro Paese. Durante il suo intervento alla manifestazione organizzata dai suoi sostenitori, tenutasi davanti la sua residenza romana Palazzo Grazioli, ha presentato una sorta di manifesto della nuova Forza Italia, cominciando di fatti una nuova campagna elettorale.

Lascia un commento

sedici − sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.