Casamicciola, tanti disservizi per i cittadini per un’amministrazione locale in crisi

casamicciolaCasamicciola (Ischia), 30 novembre – Lo scioglimento del consiglio comunale causa disagi e proteste nel comune isolano.

Disastro su tutti i fronti nel comune di Casamicciola Terme. Dopo lo scioglimento del consiglio comunale, con le dimissioni da parte di sei consiglieri, a reggere quello che resta dell’economia casamicciolese è la dottoressa Rosaria Gamorra funzionaria dello Stato, nominata dal prefetto, la quale non riceve il pubblico fino a nuova disposizione.

Su 7 milioni, ottenuti con un mutuo trentennale per il pagamento dei debiti fuori bilancio, almeno 5 dovranno essere impegnati per pagare dei danni a due soggetti privati per occupazione di immobili illegittimi.

Piazza Marina è al buio da oltre un mese, a causa dell’impianto di illuminazione non funzionante.

All’Istituto Comprensivo Statale “Enrico Ibsen”, sono guai seri. Il comune non ha abbastanza fondi da poter indire una gara d’appalto per il servizio di mensa, indispensabile affinché per l’asilo, le scuole elementari e le medie di San Severino e Perrone possa partire l’orario definitivo. I ragazzi e i bambini, infatti, escono alle 13:30, quando la formazione da loro scelta è del tempo prolungato. I genitori sono sul piede di guerra, con un piano B ben organizzato, se entro Gennaio il servizio di mensa non partirà, si chiederà il nulla osta per i ragazzi dell’Istituto. Un’ardua sfida per il Comune in sfascio.

Dipendenti di aziende in liquidazione attendono le loro “sorti”. L’azienda si prepara a licenziare ben otto dipendenti di questi entro il 31 dicembre, sommandoli agli otto già licenziati. Nella zona dell’eliporto rischiano oltre sette unità.

Lascia un commento