“LuisaKocht”, quando la napoletanità conquista il mondo

luisa kochtE’ proprio il caso di dirlo, la necessità aguzza l’ingegno. Per un napoletano, la connotazione di questo proverbio si amplifica esponenzialmente; se poi il talento in questione è di genere femminile, otteniamo un mix di sicuro successo.

Un cocktail di creatività e intraprendenza, questa è la storia di Luisa Giannitti, trentatreenne partenopea fondatrice della “LuisaKocht” (in italiano, “Luisa cucina”), giovanissima azienda di catering ed organizzazione di eventi, dai natali tutti partenopei ma di adozione tedesca.

L’avventura di Luisa comincia nel 2005, anno in cui conclude gli studi in lingue e letterature straniere all’Orientale di Napoli. Ricca della sua laurea, dei suoi sogni da realizzare e spinta dall’amore che nutre per la Germania, decide di stabilirsi a Berlino, meta, nel corso degli anni uiversitari, di vari soggiorni studio. Col vantaggio della conoscenza della lingua, inizia a lavorare nel marketing, principalmente online e B2B (business-to-business, n.d.r.), portando anche quasi a conclusione un master in Marketing B2B alla Freie Universität di Berlino. Insomma, la carriera di Luisa si instrada su un rettilineo spianato.

Ma, colpo di scena, la passione ribalta la sua vita professionale: complici la grande vitalità della capitale tedesca da un lato ed il legame viscerale con le tradizioni culinarie della sua terra d’origine dall’altro, Luisa, a marzo di quest’anno, decide di dare una svolta alla sua carriera e a luglio, dopo aver seguito vari seminari, fonda la sua azienda di catering. Servendosi dell’esperienza acquisita nel mondo del marketing ha cominciato a fare network per farsi conoscere, fino a che è approdata alla piattaforma americana Kitchensurfing.com, una sorta di motore di ricerca per chef a domicilio che da un anno ha aperto anche nella capitale tedesca. Avviare un’attività in proprio in Germania è stato quasi semplice come bere un bicchier d’acqua: seguita da un gastro-coach per i primi tempi e prendendo in fitto all’occorrenza una cucina professionale, Luisa ha voluto fin da subito dare all’azienda un’impronta altamente professionale, rispettando i parametri igienico-sanitari della normativa teutonica e coniugando creatività e tradizione.

I cibi succulenti offerti ai commensali vengono preparati con tecniche innovative ed assolutamente conformi agli standard qualitativi della tradizione culinaria più ortodossa. Dall’intramontabile parmigiana di melanzane alle folcloristiche “palle” di riso, il suo percorso gastronomico rispolvera le ricette più popolari della cucina napoletana, guidando i sensi attraverso gusti ed aromi fino a quel momento sconosciuti ai palati tedeschi: tra fragranti pizzette napoletane, profumi di pastiere e morbide coppe di mascarpone al caffè, la “LuisaKocht” porta in tavola Napoli.

E non solo. La “LuisaKocht” insegna anche la tradizione ed è questa, forse, la caratteristica più peculiare dell’attività. I corsi di cucina napoletana organizzati fino ad oggi hanno riscosso grande successo; in un’atmosfera rilassata e conviviale i partecipanti hanno scoperto i segreti nascosti tra le pentole delle massaie nostrane. Un valore aggiunto, un fiore all’occhiello dell’attività che, in questo modo, tiene viva la cultura di un popolo che, sempre più spesso, solo a tavola riscopre la sua grandezza.

Lascia un commento

13 + 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.