Magro Natale in casa Napoli: 1-1 con il Cagliari

Rigore HiguainIl Napoli saluta il 2013 con un modesto pareggio ottenuto in terra Sarda, 1-1 a Cagliari.

Prestazione quella dei partenopei che di certo non è all’altezza di una squadra che vuole ambire al vertice della classifica. Sin da subito, infatti, il Napoli non sembra essere in una delle sue serate migliori: passano solo nove minuti prima che Nenè realizzi il gol del 1-0. Maggio sbaglia l’intervento e Astori lo supera mettendo al centro una palla che l’attaccante Brasiliano non esita a trasformare in gol.

Forse un po’ con la testa alle tante feste natalizie che si sono tenute in settimana, ma i ragazzi di Benitez esitano a far vedere il proprio reale valore. Solo al 19′ Pandev si procura il rigore che rimette in discussione il risultato. Higuain, freddissimo dal dischetto, spiazza Avramov e sigla l’ 1-1.

Dopo il pareggio il Napoli sembra essersi messo alle spalle un inizio timido e continua ad attaccare. Ancora Higuain si rende pericoloso, ma non concretizza una delle poche buone azioni portate avanti da Maggio, tirando alto il possibile gol del vantaggio.

Il risultato non si sblocca e come se non bastasse arriva un’altra tegola per il Napoli: ancora problemi per Reina, che sembrava aver recuperato dopo essere stato lontano dai campi nelle ultime settimane, che costringono Benitez alla sostituzione con Rafael.

Nel secondo tempo, forse sfavorito dalle cattive condizioni del campo, il Napoli non è arrembante come potrebbe essere. Benitez le prova tutte mettendo in campo anche Mertens e Zapata per Insigne e Pandev, ma il risultato non cambia. L’unico importante squillo arriva dal gol annullato a Callejon. Allo spagnolo viene annullato un gol a volo da fuori l’area di rigore per una posizione irregolare di Pandev che ostruiva la visuale del portiere del Cagliari al momento del tiro.

Alla fine dei novanta minuti è dunque 1-1 il risultato. Risultato che da un lato galvanizza il pubblico del Sant’Elia che, data la storica rivalità, sentiva molto la partita e che dall’altro lato pone altri ostacoli sul cammino del Napoli verso la vetta della classifica. Infatti, se la Juve dovesse battere l’Atalanta allungherebbe sui Partenopei portandosi a +10, e dieci punti in un campionato come questo sono cosa dura da recuperare.

Adesso arriva la sosta che può servire a porre rimedio ai troppi errori che il Napoli di Benitez ha fatto vedere in questa prima parte di stagione, cercando di trovare soprattutto una continuità di risultati che permettano ai partenopei di mantenere le posizioni di classifica a loro consone.

Lascia un commento

18 − diciassette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.