Terra dei fuochi: vescovi, è un dramma umanitario

22 May 2001 --- Cardinals from the world over met for four days in Rome to discuss the future of the Catholic Church. Cardinal Crescenzio Sepe. --- Image by © PIZZOLI ALBERTO/CORBIS SYGMACardinale Sepe e vescovi del territorio avvelenato dai rifiuti allarmati per tasso patologie tumorali

(ANSA) ”Il disastro ambientale che denunciammo circa un anno fa si è trasformato in un vero dramma umanitario, anche per il tasso di patologie tumorali che, secondo alcuni, è più alto che in altre parti d’Italia”. E’ quanto scrivono il cardinale Crescenzio Sepe e i vescovi delle diocesi della Terra dei fuochi in una lettera-appello.

Fate presto, sentiamo il dovere di dire a quanti hanno ruolo, responsabilità e autorità di intervenire e decidere per frenare il dilagare di timore, di paura e di mali”. E’ quanto scrivono il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, e i vescovi delle diocesi della ”Terra dei fuochi”. ”Al di là di qualche provvedimento, pur necessario e importante, ancora si discute sul da farsi”, aggiungono i vescovi.

Per i vescovi della Campania che in questi mesi hanno fatto sentire più volte la loro voce ”urgono bonifica, controllo sanitario, sostegno all’economia, incoraggiamento per far emergere dal lavoro nero tante piccole imprese nascoste e spesso inquinanti, perimetrazione dei terreni malati, tutela della buona agricoltura e dei produttori onesti, gravemente danneggiati da giudizi generalizzati se non da vergognose speculazioni di chi, non potendo prevalere con la concorrenza lecita, cerca di trarre vantaggio da incolpevoli sventure altrui”.(ANSA)

Lascia un commento

19 − 17 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.