Patenti: dal 9 gennaio addio al “lenzuolino”, saranno sostituite dalle nuove card

vecchia patenteDal 9 gennaio di quest’anno per coloro che rinnoveranno la patente, il vecchio documento telato rosa verrà sostituito con il nuovo modello plastificato disposto dalla normativa europea. Per i circa 5 milioni di italiani che annualmente rinnovano il documento non verrà recapitato l’adesivo con i dati del rinnovo, ma direttamente la patente nuova in formato tessera plastificata in tempi velocissimi ovvero entro 7 giorni. La nuova normativa è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 10 dicembre scorso.

I costi di rinnovo per l’utenza comprendono 16 euro per la marca da bollo, 9 per i diritti della Motorizzazione, costo della visita medica, costo della spedizione per assicurata postale di 6,80 euro, costo della fotografia.

Punto chiave dell’operazione è l’ufficiale medico che trasmetterà al Centro Elaborazione Dati il certificato di idoneità, la foto aggiornata e la firma dell’utente, rilasciando una ricevuta stampata che firmata dal medico avrà valore di documento sostitutivo fino all’arrivo di quello attraverso la posta.

La nuova metodologia prevista permetterà il rinnovo, in 10 anni, delle patenti attive, ridurrà i tempi di sostituzione in caso di smarrimento, permetterà l’assegnazioni di foto aggiornate a tutti i possessori di patente, si combatterà la falsificazione.

Il direttore generale per la Motorizzazione Maurizio Vitelli illustrando le novità ha sottolineato: ”[…] il fatto epocale sarà l’utilizzo del web per il trasferimento delle certificazioni necessarie al rinnovo della patente fornite da parte del medico. Che ci permetterà di snellire le procedure e di consegnare il nuovo certificato di guida al massimo entro una settimana. Questa nuova procedura permetterà anche di assegnare delle immagini a tutti i soggetti che hanno la patente. E questo sarà molto utile per le forze dell’ordine e per evitare falsificazioni. E sarà molto più semplice sostituire una patente che si è persa”.

Dal 19 gennaio 2013 il modello del documento di guida è MC 720 che differisce dal precedente in quanto sono stati apportate delle modifiche tra le quali: il materiale che dalla plastica ora è in policarbonato, eliminazione dell’indicazione della residenza del titolare, firma digitalizzata del possessore incisa al laser e l’aumento delle categorie divenute 15 ovvero: AM, A1, A2, A, B1, B, C1, C, D1, D, BE, C1E, CE, D1E, DE.

Da sottolineare che la patente di guida nel formato plastificato non è valida come documento di identità pertanto ai sensi degli artt. 180 C.S. e del 445/2000 esiste l’obbligo di avere un documento di riconoscimento oltre a quello della patente valida.

Da ricordare che per il controllo dei punti sulla patente basta registrarsi al sito Il portale dell’automobilista.

Curiosità: sono 10 i modelli di patente stampati in Italia dal 1959 anno dell’entrata in vigore del nuovo codice della strada.

Lascia un commento

sedici + 12 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.