Il basket in campania: esonero di Cavina a Napoli e definitivo saluto alle Final Eight ad Avellino

pallone_basketGrandi novità e soprattutto grandi sentenze, è ciò che ha portato il week-end appena trascorso al basket campano: dopo una nuova sconfitta, l’Azzurro Napoli Basket ha esonerato coach Cavina, la Sidigas Avellino saluta il sogno Final Eighit perdendo una partita decisiva, mentre Caserta è l’unica nota lieta di un fine settimana non troppo fortunato per la palla a spicchi nostrana.

In casa Napoli è arrivata l’ennesima pesantissima sconfitta, su di un campo non proprio impossibile, come quello di Forlì. Al contrario di quanto la posizione di classifica possa far credere, i romagnoli hanno giocato una pallacanestro brillante e, aiutati anche dalla scarsa prestazione dei partenopei, hanno portato a casa i due punti senza troppi ostacoli. 71 – 57 è il risultato finale, e questo spiega meglio di molte parole le difficoltà contro le quali si sono imbattuti i ragazzi in maglia Azzurra. Ed è qui che è maturata, dopo la terza sconfitta consecutiva, l’idea di esonerare coach Cavina. A proposito di questo, il presidente Balbi è oggi intervenuto ai microfoni di Radio Marte rilasciando alcune dichiarazioni: “È stata una decisione sofferta perché con Demis si era stretto un rapporto anche d’amicizia. Adesso i giocatori non hanno più alibi e devono tirare fuori tutto quello che hanno, sono tutti in discussione e devono dimostrare di meritare questa maglia. Riportare il basket a Napoli è stata un’operazione non facile ed ora bisogna capire anche quanto questa città vuole conservare la categoria”.

Brutte notizie anche ad Avellino, dove la Sidigas è costretta a lasciar andar via il sogno Final Eight dopo la sconfitta nell’importante scontro diretto con Reggio Emilia per 96 a 73. Prova incolore sin dal primo quarto per i ragazzi allenati da Vitucci, che dopo i primi dieci minuti di gioco sono già sotto 32 a 8. Aiutati da Jaka Lakovic, gli ospiti cercano di rientrare in partita, ma al contrario gli emiliani allungano e si portano anche sul +29 a fine terzo quarto. Avellino in un quarto quarto senza molte storie, recupera qualche punto e si porta fino al -23 finale. Partita persa e qualificazione alla coppa Italia svanita, questo è ciò che rimane dopo una prestazione davvero insufficiente, che va riscattata sin dalla prossima uscita contro Pesaro

Arrivano notizie positive, invece, dalla Pasta Reggio Caserta che sul proprio parquet batte Pistoia col risultato di 80 a 74. Vittoria importante quella dei campani che, con i due punti conquistati, allungano sulla zona retrocessione e si avvicinano alle piazze utili per i play off scudetto, raggiungendo proprio l’altra campana del campionato Avellino. È una partita molto equilibrata quella che si vede al PalaMaggiò, con Caserta sempre avanti di pochi punti e che non riesce a dare la zampata finale. Ma i ragazzi di Molin, con un super Michelori (10 rimbalzi e 12 punti), non permettono a Pistoia di imporre il proprio ritmo e conservano i pochi punti di vantaggio per tutta la partita. Portando a casa cosi 2 punti fondamentali per il prosieguo della stagione.

Gli altri risultati: sono tante le partite spettacolari dell’ultima giornata di andata di serie A, con il match tra Milano e Siena che spicca sopra gli altri. L’Armani si è imposta col risultato di 66 a 56 contro una diretta concorrente al titolo, dando cosi un forte segnale a tutto il campionato. Rispondono vincendo anche le due capoliste del campionato, Brindisi batte in una sfida di alta classifica Sassari per 89 – 80, e Cantù batte in trasferta Bologna per 69 a 78. Anche Roma batte Varese per 78 -86 continuando la sua corsa verso le zone alte della graduatoria. Mentre negli altri campi arrivano le vittorie di Venezia su Pesaro, per 89-69 e di Cremona a Montegranaro 90 a 95.

Lascia un commento